Il Kilimangiaro

Guide

Il Kilimangiaro

C’è un luogo in Tanzania, nel centro dell’ Africa orientale, che è noto per brillare tutto l’anno. Questo perché la neve non si scioglie mai. Quel posto – il Kilimangiaro – sembra essere il punto più alto dell’Africa. Si tratta di 19.334 piedi (5.893 metri) di altezza, circa 60 miglia (100 chilometri) di lunghezza, e 47 miglia (75 chilometri) di larghezza. Si erge come una catena montuosa solitaria vicino al confine con il Kenya.

I dati geologici indicano che il Kilimangiaro si è formato due milioni di anni fa come una catena montuosa. Ha infatti tre cime distinte: Kibo (il picco centrale e il più alto), Mawenzi (che si trova sul lato orientale del Kibo) e Shira (il picco più basso).

Ciò che è interessante del Kilimangiaro è che, mentre la sua sede si trova ai tropici, il clima sulla sua sommità ha temperature che in inverno si raggiungono in Siberia. Il nome “Kilimangiaro” è in realtà un termine swahili, che si traduce in “montagna che brilla”.

L’interesse per il Kilimangiaro è cresciuto ancora più recentemente a causa di segnalazioni di un calo significativo nel volume della sua calotta. Le relazioni, anche se divergenti in merito alla questione, sono tutti favorevoli nell’affermare la completa scomparsa del ghiacciao, che si trova sulla sua sommità, a causa del cambiamento climatico globale. In particolare, viene riscontrato che con la scomparsa del ghiacciao ci saranno sempre meno precipitazioni nella zona.

A causa della sua altezza imponente e dell’ isolamento rispetto all’ambiente circostante, il Kilimangiaro esercita una forte influenza sui clima. Come i venti orientali che soffiano dall’Oceano Indiano estendendosi al Kilimangaro, sono costretti verso l’alto dalla mole della montagna. A seconda del grado i venti vengono deviati, rilasciando la loro umidità sia come neve che come pioggia. I meteorologi dicono che la maggior parte della neve che copre la cima del Monte Kilimangiaro è caduta dalle nuvole. A causa di questo fenomeno, aree di vegetazione ricca e atta alla vita degli animali vengono trovate di più verso l’area Kilimangiaro.

Ogni anno, migliaia di visitatori viaggiano verso il monte Kilimangiaro per testimoniare il suo splendore. Oltre a questo, sperano di avere una visione, seppur rapida, di alcune delle varietà di creature riparate nella fitta foresta tropicale alle pendici della montagna – uccelli della foresta, leopardi, le scimmie e le loro sottospecie e bufali. La sopravvivenza di queste creature dipende, in larga misura, dalla presenza continua del ghiacciaio sul Kilimangiaro, considerato il più vasto di tutta l’Africa orientale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...