Il lavoro perduto secondo Susanna Camusso

Libri

Il lavoro perduto secondo Susanna Camusso

 

Susanna Camusso, classe 1955, è dal 2010 segretario generale del più grande sindacato italiano :CGIL. E’ in uscita per Laterza il suo libro scritto a 4 mani grazie al supporto di Stefano Lepri : Lavoro Perduto.

«La domanda che bisognerebbe porsi è: un paese può reggersi sull’idea di ridurre
i salari e porre come prospettiva soltanto il ‘lavoro povero’? Ricollocare il lavoro al centro delle politiche diventa oggi il compito vero del movimento sindacale.

È indispensabile ricostruire una ragione nei redditi, ricostruire una relazione tra la persona e il suo lavoro, ricostruire la relazione tra dignità e lavoro. Precarietà e ‘lavoro povero’ determinano un mondo in cui alla fine si privano le persone di autonomia e autosufficienza.

Del lavoro bisogna avere cura. Cura significa rispettarlo, cura è definirne e tutelarne i diritti, cura è qualificarlo, cura è innovarlo, cura è welfare, cura è formazione, cura è una pensione dignitosa a conclusione di una vita di lavoro. Il lavoro, ancora, va creato: perché senza lavoro anche il benessere, i progetti, le scelte delle persone sono in discussione. Aver cura del lavoro porta ad aver cura del paese».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...