Il M5S illustra alla stampa il disegno di legge sul ‘reddito di cittadinanza’

News

Il M5S illustra alla stampa il disegno di legge sul ‘reddito di cittadinanza’

Gli ambasciatori di Finlandia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Estonia, Lettonia e Lituania hanno incontrato i due fondatori del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio a Roma. Insieme al vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, il M5S, che si candida a diventare la più credibile alternativa all’attuale coalizione di governo guidata da Matteo Renzi, hanno presentato alle ambasciate dei paesi del nord-europa, il progetto politico del Movimento 5 Stelle, con particolare riferimento al tema scottante dell’immigrazione, degli equilibri interni del patto atlantico, ma anche di economia. Dopo l’incontro, è seguita la conferenza stampa al Senato di presentazione della proposta del M5S, del reddito di cittadinanza, vero cavallo di battaglia dei pentastellati, che mirano a dotare i senza lavoro di un reddito di dignità.

A presentare il progetto, in prima fila, proprio Luigi Di Maio, che mira a fare inserire il progetto sul reddito di cittadinanza già nella prossima legge di stabilità: ‘Magari, sarebbe un sogno. L’importante è che non si prendano solo il titolo della nostra proposta. Siamo disposti a confrontarci su tutto ma la platea e l’importo devono essere quelli. Il governo ci dia un segnale entro dicembre’.

Il progetto di sostegno al reddito, è diventato il tema prioritario del partito di Grillo e Casaleggio, che ha preso il sopravvento sulla battaglia per l’uscita dall’euro. Il referendum, stando alle dichiarazioni di Grillo, ‘arriverà solo se la lotta per ottenere gli Eurobond dovesse fallire’. Una nuova presa di posizione che mira a dare un ‘taglio’ europeistico al M5S, anche in vista di una futura investitura per la guida del paese.

Intanto il M5S vola nei sondaggi pubblicati di recente. Quasi tutti gli istituti demoscopici accreditano i pentastellati di una percentuale ben al di sopra del 25%, rivelando ormai un distacco sempre più esiguo dal PD, prima forza politica nei sondaggi, il cui consenso sembra ormai essere avviato verso una discesa inarrestabile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...