Il magnate della moda Missoni scomparso vuole trasformare il business della famiglia in un marchio globale

Attualità

Il magnate della moda Missoni scomparso vuole trasformare il business della famiglia in un marchio globale

I ricercatori hanno fatto ricerche sia in aereo che in mare sulla costa del Venezuela per l’aereo che trasportava il magnate della moda italiana, Vittorio Missoni, l’uomo accreditato di trasformare la casa di moda del padre in un impero globale che include hotel, articoli per la casa e biciclette.

Il 58 enne ha lasciato il porto di Lso Roques venerdì su un aereo diretto a Caracas, Venezuela. A bordo c’erano la moglie, i due figli e due piloti.

30 minuti dopo il decollo, l’aereo è sparito nell’isola Caraibica, lasciando il clan di Missoni in ansia per l’attesa di risposte.

Luca Missoni, il fratello, è aprtito per il Venezuela per monitorare le ricerche, mentre il 91 enne Ottavio Missoni è rimasto in Italia.

Vittorio, che dirige l’impresa con i fratelli, Luca e Angela, è stato insignito di portare il brand ai consumatori asiatici.

“E’ un affare di famiglia e vi sono anche giovani coinvolti”, ha raccontato Missoni in un video postato su Youtube quest’anno.

Il brand Missoni è nato nel 1953 in un workshop, a Gallarate, Italia, quando Vittorio Missoni e la moglie Rosita, hanno iniziato a creare maglioni.

Il marchio conosciuto per la moda zig zag, è diventato il marchio preferito di molti, tra cui Kate MIddleton e Kate Moss.

I Missoni hanno usato il loro marchio per cercare di andare oltre i maglioni, promuovendo anche catene di hotel e articoli per la casa.

Nel 2011, la casa di moda si è unita in partner con Target, per creare una linea d i 400 pezzi che includa una bicicletta che sponsorizzi il marchio zig zag dei Missoni.

La collezione è stata venduta in pochi minuti nei negozi Target, mentre gli shoppers on line hanno cercato di rovinare il sito dei grandi rivenditori.

Le vendite annuali della compagnia che ha sede a Milano si stimano essere tra i 75 milioni e i 100 milioni di dollari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche