Il maltempo mette la Sardegna in ginocchio, chiuse scuole e ospedali

Meteo

Il maltempo mette la Sardegna in ginocchio, chiuse scuole e ospedali

Il ciclone proveniente dalle baleari sta flagellando da 48 ore la Sardegna portando violenti temporali, grandi masse d’acqua, raffiche di vento e scariche elettriche, che stanno mettendo in ginocchio zone del paese già riconosciute ad alto rischio idrogeologico.

La macchina dei soccorsi messa in piedi dalla Regione è in continuo movimento, con la Protezione Civile in prima linea per ovviare a tutte le emergenze che stanno sorgendo. I sindaci hanno provveduto alla chiusura di scuole e uffici pubblici, mentre appare ormai certo che l’emergenza durerà almeno fino a tutta la giornata di venerdi. Chiusi anche gli ambulatori, come dichiarato dall’assessore alla Sanità Arru: ‘Per non intasare gli ospedali e i poliambulatori abbiamo chiesto ai cittadini di posticipare le visite non strettamente necessarie‘.

L’assessore regionale alla Difesa dell’Ambiente con delega alla Protezione Civile, Donatella Spano, ha fatto il punto della situazione sui soccorsi: ‘Il sistema di prevenzione è completamente funzionante e tutte le strutture sono attive e pronte a operare nel migliore dei modi, ma è essenziale che la popolazione contribuisca con le misure di autoprotezione che sono pubblicate sul sito regionale della Protezione civile‘.

L’Anas è stata anche costretta a chiudere la strada statale 195 Sulcitana dal km 12,000 al km 18,000, in provincia di Cagliari per la presenza di fango sul piano viabile che ha reso impraticabile l’arteria stradale.

Il direttore della Protezione Civile, Graziano Nudda, parla di alto rischio alluvione e invita la popolazione ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite: ‘In massimo un’ora siamo in grado di raggiungere qualsiasi punto della Sardegna.

Per la sicurezza delle persone ha proseguito il direttore della Protezione civile – invitiamo a seguire tutte le prescrizioni e le misure di autoprotezione, ad essere vigili e ad evitare in particolare cantine e sottopiani’.

Le previsioni dell’Aeronautica ha stimato che solo ieri sono caduti sulla Regione circa 90 millimetri di acqua, mentre i temporali nella mattinata di oggi hanno toccato circa 50 mm.

Leggi anche