IL MARMO DI BACCO COMMENTA  

IL MARMO DI BACCO COMMENTA  

Nel mondo antico la scelta dei marmi non era casuale, non era dettata solo da motivi economici, o dalla disponibilità offerta dal luogo. Per un impero grandioso come quello romano, l’offerta di lapidei era davvero ampia, poteva contare sulle cave di territori molto distanti e diversi tra loro. Inoltre il trasporto dei marmi permetteva di bilanciare le navi, “fare zavorra”, diventando una necessità funzionale alla navigazione stessa. Simbologie legate ai colori o alle caratteristiche dei materiale si intrecciano, determinando la preferenza per determinati litotipi piuttosto che per altri.


Noto è il caso del porfido rosso antico, elevato a rango di marmo imperiale, per la simbologia insita nella sua colorazione purpurea, pigmentazione pregiata associata al potere. Il futuro imperatore nasceva in una stanza di porfido, detto appunto “il porfirogenito”, e moriva in un sarcofago dello stesso materiale.


Anche il Rosso del Tenaro assume nel mondo romano un ruolo ben specifico, in virtù della sua colorazione e della simbologia ad essa associata. Si tratta di un calcare pigmentato dalla colorazione rosso scura, dovuta a soluzioni ematitiche, che ricorda le tinte del vino.

Per questo venne utilizzato per molte statue raffiguranti Bacco, dio della natura selvaggia, del vino e dell’ebbrezza, e per fauni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*