Il matrimonio tra un uomo e una donna nella Bibbia COMMENTA  

Il matrimonio tra un uomo e una donna nella Bibbia COMMENTA  

La Bibbia parla molto spesso di amore e matrimonio nei suoi 66 libri. Quasi dappertutto si menziona il matrimonio riferendovisi come all’unione tra un uomo e una donna ma alcuni versetti mettono l’enfasi sul sesso dei partner o sposi. Date un occhiata a questi versetti per scoprire cosa dice la Bibbia sul matrimonio tra un uomo e una donna.


Prima lettera ai Corinzi 7: 1-5
Questi versi appaiono nel settimo libro del Nuovo Testamento e nella seconda epistola di S. Paolo. In questo passo l’apostolo Paolo scrive alla chiesa di Corinto dando dei consigli in materia di sessualità e matrimonio. Scrive che sebbene lui preferisca rimanere scapolo è meglio che gli uomini e le donne si sposini piuttosto che cadere preda dell’immoralità sessuale. Specifica inoltre che il matrimonio deve aver luogo tra un uomo e una donna e che marito e moglie hanno entrambi dei diritti coniugali l’uno verso l’altra.


Libro della Genesi 2:18-24
Questo passaggio descrive il matrimonio tra Adamo ed Eva, i primi esseri umani sulla Terra. Dio creò Adamo poi notando la sua solitudine decise di fornirgli un aiuto. Dalla costola di Adamo creò Eva e li unì. La scrittura sottolinea che a causa di questa unione tra uomo e donna, l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie. La compagnia tra Adamo ed Eva servirà da progetto per tutti i matrimoni tra uomo e donna.


Efesini 5:22-33
Questo passaggio appare nella lettera di S. Paolo alla chiesa di Efeso nella quinta epistola. Nel quinto capitolo Paolo spiega il rapporto ideale tra uomo e donna nel matrimonio. Informa la moglie di sottomettersi al marito e rispettarlo così come fanno con dio, con eguale forza Paolo chiede ai mariti di amare le loro mogli così come Cristo ha amato la sua Chiesa e si è sacrificato per lei. Il riferimento di Paolo alla Genesi 2:24 ricorda alla chiesa le origini del patto matrimoniale.

L'articolo prosegue subito dopo


1 Peter 2 and 3
Nella prima lettere alla chiesa in Asia minore Pietro fa eco all’insistenza di Paolo sul rapporto nel matrimonio così come descritto nel libro degli Efesini. Ripete che un buon matrimonio è quello in cui le mogli si sottomettono ai loro mariti anche se i mariti non condividono i loro credo. A sua volta chiede ai mariti di imitare Cristo amando le proprie mogli e rispettandole come eredi di grazia. Questi capitoli e versetti dimostrano l’importanza delle dinamiche dei due sessi nel matrimonio attraverso le idee dell’autore.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*