Il Milan, Essien ed il “Progetto Giovani”

Calcio

Il Milan, Essien ed il “Progetto Giovani”

Essien al Milan

Eccolo lì, il nuovo colpo a parametro zero di Galliani: dal Chelsea di Mourinho arriva Michael Essien, giovane centrocampista 31enne di belle speranze. Arriva gratis, come già detto, con uno stipendio di 1,5 milioni per i restanti 6 mesi della stagione, che poi lieviteranno a 3 l’anno successivo. Che dire di questo colpo? il “giovane” Essien sostituirà in rosa Nocerino, partito in prestito al West Ham: mediano dalle spiccate doti fisiche, ai margini nella rosa dei Blues, avrà il compito di recuperare tutti i palloni persi da Robinho. Sostanzialmente è questo l’unico motivo del suo acquisto, insieme alla necessità di avere un centrocampista a disposizione per la doppia sfida di Champions con l’Atletico Madrid. Stavolta non c’entra il marketing: per la vendita delle magliette basta il giapponese Honda. Che, in pratica, ha già dimostrato di servire solo a quello.

E così Galliani non s’è fatto sfuggire l’occasione: un centrocampista anziano, probabilmente bollito, a parametro zero e di ex-caratura internazionale.

Il colpo perfetto per il tanto sventolato “progetto giovani” che scopre talenti (Lamela, Strootman, Eriksen, Jorginho) che però poi vanno nelle altre squadre. Pare che l’arrivo di Barbara Berlusconi non abbia cambiato di una virgola gli umori economici del papà: qui non si tratta di incompetenza nello scouting, ma di una totale mancanza di appoggio presidenziale. E come se non bastasse, è stato Muntari a convincere Essien a trasferirsi in rossonero: che dire, grazie Muntari. E grazie Berlusconi, che continui a infoltire il reparto geriatrico del Milan.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche