Il Ministero dell’Agricoltura accoglie la richiesta di Coldiretti sui documenti del trasporto vino COMMENTA  

Il Ministero dell’Agricoltura accoglie la richiesta di Coldiretti sui documenti del trasporto vino COMMENTA  

Il Ministero dell’Agricoltura, con circolare del 21 gennaio 2013, ha accolto le richieste di Coldiretti, stabilendo di sospendere le integrazioni inutili disposte dalla precedente circolare di fine 2012 che imponeva ai produttori vitivinicoli ulteriori incombenze burocratiche, previste dalla Commissione Europea.

“L’immediata presa di posizione di Coldiretti, che partendo dalla Regione, per finire all’Istituto Controllo Qualità Repressione Frodi nazionale (ICQRF) e al Ministero dell’Agricoltura, ha manifestato un vigoroso dissenso per le complicazioni in materia di trasporto del vino, ha indotto il Ministero dell’Agricoltura a chiedere alla Commissione Europea di esentare i prodotti confezionati circolanti nel territorio dell’UE”, ha commentato Roberto Cabiale, presidente di Coldiretti Asti e membro di Giunta regionale con delega al Settore Vitivinicolo.

I vini a Denominazione d’Origine, prima di essere imbottigliati, sono già soggetti ad un completo iter di certificazione e di controllo, con l’applicazione di una fascetta stampata dal Poligrafico dello Stato, inoltre il settore vitivinicolo è tra quelli maggiormente soggetti al carico burocratico.

“Si tratta di una vittoria che Coldiretti ha ottenuto nell’interesse dei consumatori e dei produttori, oberati da una burocrazia inutile. Ora occorre non abbassare la guardia, in quanto la sospensiva, disposta dal Ministero dell’Agricoltura, dovrà essere approvata dalla Commissione Europea – evidenziano Roberto Moncalvo e Bruno Rivarossa, presidente e direttore di Coldiretti Piemonte – . Coldiretti seguirà la complessa problematica anche in sede UE, sapendo di poter contare sulla condivisione del Ministero dell’Agricoltura.

L'articolo prosegue subito dopo

La battaglia alla troppa burocrazia nel settore vitivinicolo continuerà sui tavoli regionale e nazionale. L’obiettivo è di mandare in porto le richieste contenute nel progetto di semplificazione di Coldiretti che, entro agosto 2013, dovranno essere prese in considerazione anche dalla Commissione Europea nell’ambito della riforma dei Documenti di accompagnamento vitivinicolo”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*