Il Ministero dell’Ambiente diffida la raffineria di MIlazzo

Ambiente

Il Ministero dell’Ambiente diffida la raffineria di MIlazzo

Da diversi anni gli abitanti della Valle del Mela si lamentano dei cattivi odori provenienti dalla Raffineria di Milazzo. L’Arpa Messina (Agenzia Regionale Protezione Ambiente) ha monitorato l’attività della raffineria, accertando le emissioni maleodoranti. E’ stata quindi avviata la richiesta di ulteriori ispezioni e il riesame dell’autorizzazione ministeriale.

Il Ministero dell’Ambiente, preso atto di quanto accertato dall’Arpa e dall’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), ha diffidatola Raffineria di Milazzo invitandola a sviluppare uno studio delle sorgenti emissive, chiedendo anche di redigere una relazione tecnica sugli interventi da eseguire. Una serie di prescrizioni per la quale viene dato alla Ram un margine di tempo di trenta giorni. Dovrà, inoltre, definire insieme all’Arpa un protocollo che stabilisca le soglie di attenzione e le procedure da attivare in presenza di particolari sostanze odorigene presenti nell’aria.

La presa di posizione del Ministero sui problemi ambientali della Valle del Mela discende dalle iniziative dell’Arpa Sicilia, intensificatesi negli ultimi mesi, sotto la guida del commissario straordinario Salvo Cocina, su indirizzo dell’Assessore regionale all’Ambiente Sebastiano Di Betta, oltre alla collaborazione col comune di Milazzo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*