Il Movimento No Tav rigetta le accuse per l’incendio alle centraline COMMENTA  

Il Movimento No Tav rigetta le accuse per l’incendio alle centraline COMMENTA  

Durante la notte di domenica, circa intorno alle 3 di notte, è divampato un incendio presso due centraline di smistamento della linea ferroviaria fra Lambrate e Rogoredo: i problemi sono stati contenuti con disagi ai pendolari e un milione di danni, ma sarebbe potuto andare molto peggio, con la paralisi della rete ferroviaria lombarda.


Vicino alle centraline sono state trovate scritte “No Tav”: il movimento ha però rapidamente preso posizione e rigettato tutte  le accuse, precisando sul sito www.notav.info con un comunicato stampa  che “queste azioni non rientrano nelle proprie metodologie di lotta, che sono metodologie di lotta  popolare fatte alla luce del sole. Qualunque provocatore può scrivere NO TAV dove gli passa per la testa, ma questo non coinvolge il movimento.” Concludono invitando “i media e gli operatori dell’informazione a non cercare di coinvolgere sempre e comunque il movimento NO TAV al solo scopo di criminalizzarlo e screditarlo agli occhi dell’opinione pubblica.”

Il Ministro degli Interni, Annamaria Cancellieri, ha dichiarato che “le ferrovie sono un punto nevralgico delicato, su cui occorre prestare molta attenzione.

Non dobbiamo abbassare mai la guardia, pur mantenendo saldo il principio che si va avanti. Cercheremo di essere molto attenti.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*