Il nuotatore Mack Horton salvato da un fan attento

Sport

Il nuotatore Mack Horton salvato da un fan attento

Il nuotatore Mack Horton salvato da un fan attento.

Il Campione di nuoto Mack Horton medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio De Janeiro nei 400 stile libero, deve la sua vita a uno sconosciuto.

Mack Horton, 20 anni, australiano 90 kg per 1.90 di altezza è stato allertato per un neo sospetto da un anonimo telespettatore che guardava le gare in televisione durante le Olimpiadi.

«Uno che stava guardando le Olimpiadi ,ha raccontato stupito il nuotatore australiano , probabilmente un esperto della pelle, forse un dermatologo, ha mandato una mail al medico della nazionale consigliandogli di far vedere il mio neo. Lo ringrazio con tutto il cuore. E lo invito a farsi avanti. Per sdebitarmi gli faccio una lezione di nuoto gratis».

Dopo l’operazione che gli ha, effettivamente, asportato un melanoma maligno, Mack ha postato su Istagram la sua foto a torso nudo.

La foto con il segno di vittoria fatto con le dita e un grosso cerotto che ha sostituito la macchia scura sulla pelle serve per ringraziare l’anonimo telespettatore.«Ringrazio pubblicamente la persona che ha consigliato il medico della nazionale , suggerendo di far controllare quella macchia.

Una buona chiamata. Una gran buona chiamata…». Confrontando le immagini di Mack nel corso della sua pur breve carriera si nota come il «neo» diventi progressivamente più grande e più scuro. Un segno che da benigno è diventato maligno. Possibile che non se ne fosse accorto nessuno? L’esito dell’esame istologico non è stato divulgato. Sulla pagina pubblica di Mack, il «Melanoma Institute Australia» ha lasciato un messaggio per Mack. «Felici che ti sia fatto controllare. Grazie per l’aiuto nel diffondere la consapevolezza di quanto sia importante l’esame della cute».

Australia

In Australia, come in molti paesi dove il sole è molto caldo e poco schermato, il melanoma è una forma di cancro della pelle molto diffuso.

Nel continente, il melanoma conta per l’80% dei nuovi casi di cancro. Questo rende ancora più sorprendente la minaccia passata inosservata sui pettorali di Horton.

Un angelo lo ha protetto e uno sconosciuto l’ha salvato…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche