Il nuovo leader della difesa - Notizie.it
Il nuovo leader della difesa
Inter

Il nuovo leader della difesa

Fino a questo momento nell’Inter ci sono state diverse note positive; menzione particolare per Cassano, Juan Jesus e Andrea Ranocchia.

Quest’ultimo si sta lentamente riprendendo dalla débacle della scorsa stagione che gli era costato l’europeo con la maglia azzurra e aveva fortemente messo in dubbio la sua permanenza all’Inter.

L’anno scorso tutta la squadra aveva vissuto una stagione contraddittoria, il giovane centrale aveva risentito pesantemente dei vari cambi di allenatori; l’allora neo-tecnico Stramaccioni chiamato al capezzale di una squadra smarrita e impaurita aveva cercato di raggiungere il 3° posto – preliminari di Champions – puntando sui senatori.

Stramaccioni aveva più volte dichiarato che non aveva tempo di puntare sui giovani, occorrevano i risultati e i veterani della vecchia guardia erano quelli che potevano fornire maggiori garanzie; in molti però vedevano in quelle parole un de profundis per molti giocatori della rosa.

Ranocchia era fortemente indiziato come probabile partente, anche durante la campagna acquisti, con l’arrivo di Silvestre il giovane giocatore sembrava essere chiuso e si ipotizzava una sua cessione; invece con la nuova rivoluzione tattica il giovane centrale nerazzurro si è prepotentemente rilanciato, anche in chiave azzurra.

Il giocatore si è scrollato la polvere di dosso e ha recuperato lo smalto che lo aveva imposto all’attenzione degli osservatori che lo avevano indicato come il “nuovo Nesta”; concentrazione, grinta, uscite a testa alta e anticipi, tutte qualità di un leader difensivo.

La speranza ora è che il centrale possa diventare un perno difensivo della nuova Inter, un giocatore che lo stesso Marco Matrix Materazzi aveva a suo tempo indicato come il suo successore.

Cereda Stefano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.