Il pagellone di Inter-Parma

Inter

Il pagellone di Inter-Parma

Claudio Ranieri
Claudio Ranieri
Julio Cesar 6: viene chiamato raramente all’opera e in quelle rare occasioni dimostra di essere pronto;
Maicon 6,5: Trova poca resistenza sulla sua fascia e può dedicarsi alla fase di attacco con la consueta intraprendenza;
Lucio 6: Floccari la vede raramente e in quelle poche occasioni dimostra di non aver ancora smaltito le libagioni natalizie, per cui può dedicarsi ad appoggiare il centrocampo;
Samuel 6: come il suo collega Lucio, passa una serata di tutto riposo;
Nagatomo 6: stavolta non c’è bisogno delle sua verve in avanti, anche perché il Parma è talmente arrendevole che anche un samurai come lui prova un briciolo di pietà e decide di riservarsi per test più impegnativi;
Zanetti 6,5: apporta tanta corsa, la sua specialità, ad un centrocampo ove Motta e Cambiasso non brillano sotto l’aspetto podistico;
Thiago Motta 6,5: ha il merito di segnare e di dare tanta concretezza al suo gioco;
Cambiasso 6,5: come Motta, fa risaltare la praticità del suo gioco, anche se la mobilità non è proprio quella dei tempi migliori (dal 13′ de secondo tempo Poli 6: anche per lui una serata non proprio complicata, visto quanto non riesce a combinare in mezzo al campo il Parma);
Alvarez 6,5: comincia a mostrare maggiore intraprendenza e anche il livello tecnico delle sue giocate sembra risentire positivamente della crescita di fiducia nei suoi mezzi (dal 27′ del secondo tempo Coutinho: non giudicabile);
Milito 7,5: forse è presto per dire se è tornato il Milito che tutti conoscevamo, anche perché i difensori del Parma sembrano essersi accordati per agevolargli il compito, ma la doppietta di stasera potrebbe veramente rappresentare una svolta nella sua annata e nella fuoriuscita da una crisi che sembrava interminabile (31′ st Faraoni 6,5: una bella rete che contribuisce non poco alla sua autostima);
Pazzini 6: segna la quarta rete ripagando gli sforzi dei compagni, ma sembra ancora lontano dall’attaccante che aveva fatto sognare la Genova doriana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...