Il papa ad Auschwitz: il suo momento di raccoglimento COMMENTA  

Il papa ad Auschwitz: il suo momento di raccoglimento COMMENTA  

papa aushwitz
papa aushwitz

Papa Francesco in silenzio ad Auschwitz.

Il papa si trovava a Cracovia per il Gmg e ha deciso di visitare i due campi di concentramento di Auscwitz e di Birkenau.

Leggi anche: Morto lo chef foggiano Fabio Riondino


Papa Francesco è entrato nel campo di concentramento di Auschwitz da solo a piedi e in silenzio. Sono mancati discorsi, il Pontefice ha preferito il silenzio. Aveva già dichiarato: «Io vorrei andare in quel posto di orrore senza discorsi, senza gente, salvo quelle necessarie: da solo entrare, pregare, e che il Signore mi dia la grazia di piangere»

Il pontefice ha visitato il campo di prigionia in religioso silenzio. Dopo la visita il papa si è seduto su una panchina e a capo chino ha pregato per diversi minuti.

Leggi anche: Presidenziali USA 2016, Trump: mai più musulmani in America


 

All’interno del campo il papa ha incontrato delle vittime sopravvissute ai massacri della Shoah. Ogni vittima ha potuto passare del tempo con il pontefice scambiandosi pensieri abbracci e baci.


Giunto davanti al Blocco 11 (Blocco della morte) papa Francesco ha baciato una delle colonne. In questo blocco era stato ucciso anche San Massimiliano Kolbe, nella sua cella il Pontefice si è inginocchiato.

L'articolo prosegue subito dopo


Lasciato Auschwitz papa Francesco si è recato a Birkenau a pochi chilometri di distanza. Qui il Pontefice ha riservato altri momenti di silenzio. Papa Francesco ha incontrato 25 “giusti delle nazioni”: persone che hanno a rischio la propria vita per proteggere e nascondere ebrei perseguitati.

Leggi anche

sorpresine-kinder_per-il-britannico-the-sun-le-confezionano-i-bambini
News

Sorpresine Kinder: per il britannico The Sun le confezionano i bambini

Inchiesta giornalistica GB rivela cosa sta dietro i giocattoli miniaturizzati negli ovetti: famiglie rumene costrette a far lavorare anche i figli minorenni Un velo di tristezza ammanta le sorpresine Kinder contenute nei famosi ovetti che, normalmente, sono destinati a donare gioia ai bambini, dopo l’inchiesta portata avanti dalla redazione del quotidiano britannico The Sun: secondo il prestigioso giornale, infatti, la Ferrero commissionerebbe la confezione degli oggettini da inserire nelle famose uova di cioccolato ad un’azienda rumena, la Romexa, che a sua volta subappalterebbe il lavoro alla Prolegis. Quest’ultima affiderebbe poi la preparazione manuale dei mini giocattoli a delle famiglie in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*