Il Pdl: “Sfileremo davanti al Palazzo di Giustizia” COMMENTA  

Il Pdl: “Sfileremo davanti al Palazzo di Giustizia” COMMENTA  

Era stato lui, Silvio Berlusconi, a chiamare a raccolta i suoi parlamentari per organizzare un sit-in di protesta davanti al Tribunale di Milano, dove si tiene domani l’udienza del processo “Ruby”. L’ex ministro Mariastella Gelmini e il coordinatore regionale del Pdl lombardo Mario Mantovani avevano assicurato la loro presenza davanti al Palazzo di Giustizia “in solidarietà con il presidente Berlusconi, per esprimere tutta l’indignazione per quello che sta accadendo”.

Leggi anche: Berlusconi a New York, ricoverato in clinica: udienza processo Ruby rinviato


Poche ore fa l’ex premier Berlusconi ha chiesto ai “suoi” di rinunciare all’iniziativa “per il rispetto che ho sempre portato alle istituzioni repubblicane”, questa la motivazione addotta.

Intanto il Cavaliere rimarrà in ospedale fino a domani, ora si trova nel settore D dell’Ospedale “San Raffaele” di Milano in un appartamento a lui riservato di 200 metri quadrati.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*