Il pene dei giovani si sta accorciando, l’allarme degli esperti COMMENTA  

Il pene dei giovani si sta accorciando, l’allarme degli esperti COMMENTA  

13a

Il benessere può causare un sacco di problemi fisici: obesità, diabete, ipertensione, ma non solo. Da uno studio su duemila diciottenni di sesso maschile effettuato dal Dott. Carlo Foresta, direttore del servizio per la Patologia della Riproduzione Umana dell’azienda ospedaliera di Padova, e da un’articolo del Telegraph dal titolo chiarissimo “Il pene sta diventando più piccolo, realtà o mito?” scopriamo che i giovani italiani hanno un organo sessuale più corto di un centimetro, paragonato ai coetanei di un secolo fa. L’imprinting genetico è ciò che determina la lunghezza dell’organo, ma fattori esterni come stili di vita non proprio salutari e cause ambientali possono influire in modo negativo sugli ormoni, soprattutto nell’età dello sviluppo e condizionare la dimensione. Ma anche dopo i 50 anni quando cala il testosterone e avanzano diabete e obesità, malattie croniche, tutto questo influisce negativamente sulla dimensione del pene. Il Dott. Gabriele Antonini, urologo-andrologo dell’Università La Sapienza di Roma e specializzato nell’impianto di protesi idrauliche, condivide queste valutazioni sulle patologie del benessere come diabete e colesterolo, che hanno ripercussioni negative sui vasi sanguigni e possono causare uno stato di fibrosi dei corpi cavernosi con effetto negativo sulle funzioni dell’organo: un problema in continuo aumento, purtroppo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*