Il periodo più prolifico per l’arte greca COMMENTA  

Il periodo più prolifico per l’arte greca COMMENTA  

La Grecia antica fu responsabile della vera innovazione nell’arte. Che si trattasse di architettura, statue, ceramiche e dipinti i Greci antichi hanno lasciato una eredità di attività artistiche. L’arte greca è stato suddivisa in vari periodi di tempo.


L’arte micenea utilizzò una grande quantità di oro. I greci di questo periodo prendevano la ceramica ordinaria e ne facevano una bellissima arte che ancora oggi suscita ammirazione. Successivamente l’arte geometrica diventò popolare. I vasi di ceramica cominciarono a prendere la forma di esseri umani e/o animali. Quando i Greci cominciarono a viaggiare di più, o i viaggiatori raggiunsero la Grecia, nuove influenze di altre regioni cominciarono ad essere usate nell’arte greca. Questa è nota come arte arcaica.


Il periodo di arte classica è quello per cui la Grecia è meglio conosciuta, questa è stata l’età d’oro dell’arte in Grecia. Con enormi statue di complesse forme umane progettate dal marmo, pietra calcarea o bronzo per edifici imponenti, ancora oggi suscita ammirazione. Il corpo umano diventò la fonte di ispirazione per le forme d’arte e fu perfezionato durante questo periodo di tempo. Questo ha reso i Greci degli innovatori perché il corpo umano non era mai stato pensato come arte prima. Mentre il corpo umano era stato semplicemente dipinto su ceramica o murales, in seguito fu utilizzato in statue di bronzo e marmo in varie pose. L’espressione facciale su statue divenne inespressiva piuttosto che sorridente. Il corpo umano fu mostrato in movimento piuttosto che ancora fermo in piedi. Le proporzioni diventarono realistiche. Il Discobolo è una delle statue più popolari create durante questo periodo di tempo per l’immagine dell’uomo in movimento.


La maggior parte delle opere d’arte in Grecia è in forma di scultura, anche se gran parte è stata danneggiata e riparata. Quando si vede una statua in un museo con le mani mancanti, è perché il tempo o qualche altro evento le ha rotte e quello è ciò che rimane della statua originale.

L'articolo prosegue subito dopo


La scultura in rilievo era anche prevalente. Questa scultura veniva realizzata su superficie piana e veniva in genere collocata su pareti sia esterne che all’interno di edifici.

Anche l’architettura divenne importante in questo periodo. Il Partenone è ancora oggi uno dei più grandi siti da visitare ad Atene, in Grecia. Questo tempio è stato costruito in onore della dea della saggezza, dell’arte e della guerra Atena. E’ stato progettato con poche linee rette orizzontali o verticali, che danno all’edificio l’aspetto di perfezione.

Anche la pittura si sviluppò in questo momento. La mitologia o la rappresentazione della guerra erano tra i soggetti preferiti di queste opere d’arte. La vernice veniva applicata su pannelli di legno, piuttosto che su tela. Anche la ceramica veniva dipinta.

L’arte ellenistica è stato l’ultimo periodo d’arte in Grecia. Le sculture in marmo sono diventate più grandi e perfette in questo tempo. Le statue sono di una tale perfezione da sembrare irreali, a differenza di quelle create durante il periodo di Arte Classica.

Mentre il periodo classico della Grecia è stato prolifico, molto di ciò che si sa venne tramandato da storici romani che facevano le copie di opere d’arte greche o tenevano registri d’arte. Una grande quantità di arte antica greca è stata persa con il tempo e altri eventi tragici, quali incendi e atti vandalici.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*