Il primo Apple di Steve Jobs COMMENTA  

Il primo Apple di Steve Jobs COMMENTA  

Steve Jobs e Steve Wozniak hanno creato una rivoluzione mondiale nel loro garage a Cupertino, in California, nel 1975, quando hanno deciso di costruire un computer da vendere e da poter tenere in ogni singola casa. Questo primo computer ha portato a una delle più grandi rivoluzioni nella società.

Leggi anche: 10 app che ti permettono di guadagnare soldi

Steve Wozniak amava sperimentare con i dispositivi elettronici. Voleva costruire il suo proprio computer e, con l’aiuto di kit informatici, ci è riuscito. Quando le sue idee si unirono a qulle di Steve Jobs essi decisero di creare un dispositivo che ogni persona potessee avere in casa propria e usare con facilità.

Leggi anche: 10 consigli per far durare più a lungo i vostri vestiti

Entrambi si misero subito al lavoro

Utilizzando parti di Radio Shack e di altre fonti i due iniziarono a costruire quello che sarebbe diventato l’Apple I.

Nel 1976 lanciarono la loro società e ottennero un accordo per fornire 100 computer a un rivenditore locale nella zona Sud della California. Ben presto erano già nuovamente al lavoro per costruire l’Apple II.

L'articolo prosegue subito dopo

A quel tempo essi erano i soli ad avere un computer in casa pre-costruito.

 

Leggi anche

come-fare-sopracciglia-ad-ali-di-gabbiano
Guide

Come fare sopracciglia ad ali di gabbiano

Danno armonia a tutto il viso, eppure spesso vengono trascurate: le sopracciglia tornano protagoniste grazie alle star che adottano lo stile ali di gabbiano Sono molto di moda, piacciono, ma non sono adatte a tutti i volti. Sono le sopracciglia a forma di ali di gabbiano, che esaltano il magnetismo dello sguardo femminile, ma che non stanno bene a chiunque: il primo passo da fare prima di intervenire sulla “cornice” dei nostri occhi, infatti, è quello di chiedere un consiglio ad un esperto, possibilmente un estetista che ci sappia indicare con sincerità la soluzione più adatta ai nostri lineamenti. Ottenuto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*