Il Progressive barocco dei Jethro Tull

Jethro Tull (U.K. – 1968) Eccoci arrivati agli albori del progressive; più nello specifico, i Jethro Tull sono autori di un sottogenere del progressive del tutto particolare, che ispirò moltissimi gruppi agli inizi degli anni ’70.

Leggi anche: 17 Agosto 2010: unica data del tour degli Iron Maiden in Italia

La loro musica è abbastanza lontana dalla complessità e dall’esoterismo, per esempio, dei Genesis, si avvicina invece ad uno stile più barocco e medievaleggiante. Il leader assoluto della band è lo scozzese Ian Anderson, cantante, chitarrista, ma soprattutto flautista.

Leggi anche: Tiziano Ferro annuncia su Fb: ‘Sto meglio, riprendo il tour’

L’esordio “This Was” è più che discreto, ma è ancora accostabile al rock blues; è col successivo “Stand Up” che si iniziarono a delineare i canoni della band: il rock progressivo qui proposto toglie le parti di musica classica tipiche del genere, lasciando posto, come già detto, ad atmosfere più fiabesche e fatate; tra gli strumenti utilizzati appaiono pure il mandolino e la balalaika, ma è necessario sottolineare che qui, come per la maggior parte dei lavori del gruppo, il protagonista assoluto ed io narrante di tutta la musica è e sarà sempre il flauto.

Leggi anche: Incassi al botteghino: il 2015 è l’anno della ripresa per Cinema e Teatro

…continua.

Leggi anche

Scaletta e prezzi biglietti Red Hot Chili Peppers 11 ottobre 2016 Torino
Concerti

Scaletta e prezzi biglietti Red Hot Chili Peppers 11 ottobre 2016 Torino

I Red Hot Chili Peppers ritornano in grande stile sul palco torinese l'11 ottobre. Vediamo tutte le informazioni sul concerto I Red Hot Chili Peppers tornano in Tour in Italia con tre date tutte quasi Sold Out (tra cui 2 a Torino, il 10 e l'11 ottobre, al Pala Alpitour). Si intitola Go robot il nuovo singolo dei Red Hot Chili Peppers, uno dei gruppi rock statunitensi più noti al mondo. Il brano, uscito in radio dal 16 Settembre, rappresenta il secondo singolo dal loro undicesimo album in studio, chiamato The getaway, pubblicato pochi mesi fa, e segue il successo del precedente inedito Dark necessities. Per accompagnare [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*