Il punto dopo l’Udinese COMMENTA  

Il punto dopo l’Udinese COMMENTA  

 

 

E’ terminato il girone d’andata, Juve 1° (44 punti), a seguire Lazio (39 punti), Napoli (37), Inter e Fiorentina (35), Roma (32), Milan (30).


Perde la Juventus in casa contro la Sampdoria, i liguri con un uomo in meno e sotto di un gol, prima pareggiano e poi siglano il gol della vittoria.


Perdono anche Inter (a Udine), Roma (confronto con il Napoli) e Fiorentina (incredibile sconfitta casalinga contro il Pescara).

Ne approfittano Napoli, Lazio (vittoria un poco contestata contro il Cagliari) e Milan (Siena).

Ora il campionato ha attraversato il giro di boa, nel complesso Stramaccioni ha fatto un buon lavoro, dovrà ora cercare di mantenere la squadra sui livelli fin qui raggiunti e cercare di allungare, se possibile, il passo.


La Juventus sembra la candidata principale al titolo: è la squadra più continua e anche senza un attaccante da 20 reti riesce a imporre il suo gioco, ora non ci sono le coppe e per due mesi i bianconeri avranno la possibilità di concentrarsi esclusivamente sul campionato; inoltre, particolare non trascurabile, bisogna sottolineare che una vera e propria anti-Juve non c’è stata.

L'articolo prosegue subito dopo


Una domenica era 2° L’Inter, poi il Napoli, poi di nuovo l’Inter, ora la Lazio, insomma le altre squadre mancano di continuità e questo favorisce la squadra torinese.

Di contro bisogna ricordare che se è vero che la squadra bianconera sembra un orologio, è anche vero che a volte basta un granellino di sabbia per incastrare gli ingranaggi, ieri Marchisio sembrava assente dal gioco, se il centrocampo incomincia ad accusare qualche colpo a vuoto la Juventus potrebbe pagare dazio.

Tocca alle varie squadre non perdere concentrazione e cercare di rimanere agganciati alla vetta per sfruttare eventuali cali di tensione bianconeri.

Cereda Stefano

Leggi anche

About Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*