Il punto sul campionato dopo Parma COMMENTA  

Il punto sul campionato dopo Parma COMMENTA  

Dopo la sconfitta esterna con il Parma, l’Inter con ogni probabilità dovrà mestamente dare l’addio alla Champions; la matematica non condanna ancora ma i prossimi due impegni sono proibitivi.


Oltre a dover vincere le rimanenti due partite bisognerebbe sperare che il Napoli, Udinese e Lazio perdano entrambe le partite; onestamente è molto difficile pensare a questo.


Questa domenica l’Inter ospita il Milan che deve assolutamente vincere per mantenere intatte le speranze per lo scudetto; l’ultima partita andrà a Roma a giocare contro la Lazio, il Napoli però sembra galvanizzato e inoltre ha un vantaggio sull’Inter negli scontri diretti (2 partite – 2 vittorie partenopee).

Peccato perché la squadra complessivamente non ha demeritato; la partita sembrava essere stata incanalata dal gol del vantaggio di Sneijder, poi però il crollo: non si possono regalare amnesie a nessuna squadra.


Lucio ha purtroppo commesso un’ingenuità, un’ingenuità pagata a caro prezzo; anche Pazzini avrebbe potuto pareggiare il vantaggio ducale, forse la partita avrebbe potuto cambiare volto.

L'articolo prosegue subito dopo


Queste sono solo illazioni, quello che conta ora è il risultato finale che condanna la squadra, altro discorso riguarderà le scelte di mercato che la società dovrà operare.

Fermo restando la riconoscenza dovuta ai giocatori protagonisti di un ciclo di vittorie è giunto il momento di ringiovanire la rosa; non si può pensare certamente di cambiare 7/8 undicesimi, ma almeno un paio di giocatori ormai giunti al capolinea dovranno far posto a dei giovani.

Importante ora centrare almento la qualificazione alla Europa League, certamente coppa dotata di minor appeal della Champions, ma sempre competizione europea di primo piano.

 

Cereda Stefano

 

Leggi anche

About Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*