Il punto sul mercato interista COMMENTA  

Il punto sul mercato interista COMMENTA  

 

Mercato anomalo quello interista, si voleva acquistare Lavezzi, Isla, Destro, tutti giocatori che sono poi andati in altre squadre, si parlava recentemente di Lucas.

Anche lui sembra essere svanito, l’Inter ha deciso di condurre una politica di austerity, certe cifre sono troppo elevate e così si finisce per doversi accontentare di giocatori di 2° o 3° piano.

Leggi anche: Ultim’ora calciomercato: Cerci va a Bologna, sfuma la cessione di Jovetic, gli altri colpi


Bisogna ora avere il coraggio di fare il punto della situazione e ripartire da zero, non è facile per diversi motivi, per prima cosa il presidente Moratti ci aveva abituato a budget quasi inesauribili, anche se onestamente nella maggior parte dei casi si finiva per prendere delle topiche colossali.

Leggi anche: Suning acquista l’Internazionale FC


In secondo luogo bisogna considerare che la cifra di 40 milioni di euro di cui si parla è effettivamente alta, forse troppo alta per un giocatore che deve ancora dimostrare pienamente il suo valore.


Purtroppo non c’è la possibilità di sapere se un giocatore vale il prezzo d’acquisto, ci sono giocatori pagati poco che hanno reso molto, inversamente ci sono altri giocatori pagati a peso d’oro che invece hanno deluso tutte le aspettative.

L'articolo prosegue subito dopo


I nuovi ricchi sono gli arabi, quindi volenti o nolenti dobbiamo cercare di fare necessità virtù, in questo momento dobbiamo accontentarci del materiale che abbiamo a disposizione e cercare di far crescere i giovani del vivaio che nella stagione appena terminata hanno dimostrato di possedere estro, capacità e qualità che potrebbero in futuro riservare molte piacevoli sorprese.

 

Cereda Stefano

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto
About Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*