Il ritorno di Jimi Hendrix

Cultura

Il ritorno di Jimi Hendrix

jimi hendrix

Ad oltre quarant’anni di distanza dalla sua morte rivive nei negozi il mito di Jimi Hendrix. Il 5 Marzo, infatti, uscirà un album contenenti 12 inediti del grande cantante e chitarrista statunitense, uno dei grandi pionieri della musica psichedelica, dal titolo People, Hell and Angels. L’album conterrà 12 tracce registrate tra il 1968 e il 1969, anni in cui Hendrix , in continua fase di sperimentazione, era alla continua ricerca di suoni nuovi dopo la rottura con la sua band, la Jimi Hendrix Experience, e in procinto di esibirsi nel leggendario festival di Woodstock.

I familiari di Hendrix, genio e sregolatezza ma nello stesso tempo animo fragile e timido, troppo insicuro per reggere la sua notorietà e andato via troppo presto( anch’egli fa parte di quella cerchia di artisti morti all’età di 27 anni: Kurt Cobain, Jim Morrison e, più recentemente, Amy Winehouse), hanno deciso di aprire gli archivi musicali del loro congiunto, la cui produzione musicale pare essere prolifica, tra brani suonati e registrati ed hanno inserito l’uscita di People, Hell and Angels nell’ambito di altri eventi atti a tenere viva la memoria del grande artista. Pochi giorni fa è infatti uscito nelle sale cinematografiche Hendrix 70. Live at Woodstock, film- documentario realizzato con materiale d’archivio restaurato; ed è altrettanto imminente l’uscita , in libreria, di Jimi Hendrix- mio fratello, scritto da Leon Hendrix, fratello minore di Jimi.

Avere l’ occasione di riascoltare o- nel caso delle nuove generazioni cresciute a “pane e talent“- conoscere l’estro, l’ecletticità, la bravura assoluta di un grande appartenente all’ Olimpo della musica, è un’ occasione unica e l’auspicio di tutti gli amanti del genere rock ma non solo è che la famiglia Hendrix continui a promuovere iniziative che possano regalarci delle vere e proprie “gemme” musicali come Somewhere, singolo che lancia la promozione dell’album, nell’inedita versione registrata nel marzo 1968 con Buddy Miles alla batteria e Stephen Stills al basso.

Non resta che aspettare ancora un paio di giorni per immergersi nel sound inconfondibile del grande Jimi.jimi hendrix a woodstockjimi hendrix

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...