Il ritorno di Sneijder

Inter

Il ritorno di Sneijder

Sneijder in questi ultimi tre anni ha vissuto momenti calcistici contrastanti, appena arrivato Mourinho lo buttò nella mischia nel derby, fiducia ampiamente ripagata.

Quello era l’anno del triplete, poi i mondiali che videro l’Olanda protagonista, la finale poi persa contro la Spagna rovinò un poco il finale di stagione, Wes era comunque vicecampione mondiale capocannoniere della competizione.

La nuova stagione si apriva in chiaroscuro, vittoria nella supercoppa Italia ma sconfitta nella supercoppa Europa, inizio difficile forse causato da eccessive tossine post mondiali e forse anche da una preparazione mirata per la coppa del mondo di club.

Una coppa che l’Inter vinceva ma che non vedeva Sneijder protagonista in quanto il giocatore si infortunava dopo pochi minuti di gioco della prima partita (semifinale contro il Seongam).

Altra delusione era vedere il suo nominativo escluso dalle prime tre piazze della classifica del pallone d’oro, dopo un’annata che lo aveva visto protagonista e vincitore di quasi tutto vedersi scalzare dal podio era un poco disarmante.

Una stagione in altalena conclusasi comunque con la vittoria in coppa Italia e con un secondo posto.

Quest’anno le caratteristiche del tulipano non si adattavano alle ide di Gasperini prima e di Ranieri dopo, diverse voci di mercato turbavano poi l’ambiente, infine l’arrivo di Stramaccioni e il tanto sospirato ritorno di Sneijder.

Stramaccioni riusciva infatti a disegnare un ruolo importante per il tulipano, che ha recentemente dichiarato : “E’ indubbio che abbiamo disputato una brutta stagione ma sono sicuro che il presidente Moratti non voglia un’altra stagione come questa.

Arriveranno buoni giocatori in estate ed io, per conto mio, sto benissimo all’Inter”.

Cereda Stefano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.