Il ruolo del Cavallo nel Medioevo COMMENTA  

Il ruolo del Cavallo nel Medioevo COMMENTA  

Nell’Europa medievale, il cavallo era la macchina standard per la maggior parte delle attività che richiedevano più velocità o forza di un uomo, compresa l’agricoltura, il trasporto e naturalmente, la guerra. L’allevamento dei cavalli in questo periodo è più importante che mai, i cavalli tendevano ad essere classificati dalla loro finalità, infatti venivano allevati per la loro destinazione piuttosto che per il loro lignaggio genetico.


I cavalli da guerra erano per l’ élite e potevano essere in genere identificati da un lignaggio: per esempio, i cavalli spagnoli erano apprezzati in combattimento, mentre quelli francesi un po’ meno.


Quindi invece che di “razze” in cui oggi si distinguono i cavalli, in tempi medievali venivano generalmente classificati in base alle loro dimensioni e agli attributi generali, la loro destinazione, e l’ addestramento che avevano ricevuto per svolgere tale funzione.


Agricoltura e Trasporti:

La nobiltà manteneva diversi tipi di cavalli da sella, generalmente più piccoli di costituzione dei cavalli da guerra, ma veloci e molto più costosi rispetto ai tipi più comuni. Tra questi i palfreys, comunemente usati per la caccia, e il Jennet, un cavallo più piccolo e più comunemente usato dalle nobili donne e dalla cavalleria spagnola. Al di fuori dei circoli elitari, c’erano meno standard per i cavalli, infatti venivano usati principalmente solo per il trasporto..

I cavalli da soma, noti anche come Sumpters, accompagneranno nelle loro scampagnate quelli che potevano permetterseli; le aziende agricole potevano impiegare cavalli da tiro per trasportare materiali (simili a quelli di oggi, ma più piccoli) per i lavori agricoli. La tecnologia medievale consentiva l’utilizzo di entrambi buoi e cavalli per arare.

L'articolo prosegue subito dopo


Guerre:

Il cavaliere è l’immagine standard della guerra medievale, e, di fatto, del Medioevo in generale. La figura corazzata a cavallo, armata di lancia o spada, rappresentava naturalmente una caratteristica più complessa di guerra. In termini di qualità di cavalli da guerra (quelli con più soldi o più ricchi potevano permettersi i migliori cavalli), c’erano diversi tipi di cavalli comunemente utilizzati dalla cavalleria, e in particolare da nobili che potevano permettersi di mantenere stalle consistenti. Così un guerriero a cavallo con fondi sufficienti in realtà manteneva più cavalli per se stesso.

Uno dei cavalli più leggeri da guerra era l’ hobby, originariamente allevato dagli irlandesi. L’hobby è abbastanza popolare infatti durante le guerre scozzese, Edoardo I d’Inghilterra cercò di paralizzare le forze scozzesi, imponendo un embargo sulle esportazioni irlandesi del cavallo di battaglia. Essi erano comunemente utilizzati dalla cavalleria leggera.

Più grande, ma non specializzato, era il rouncey, considerato un generico cavallo da battaglia che i nobili più ricchi nobili lasciavano ai propri scudieri e al corteo, anche se spesso i più poveri cavalieri non potevano permettersi niente di meglio per se stessi.

Più veloci e più forti erano i corsieri, più alti e più forti erano i destrieri, anche se per gli standard attuali, anche queste probabilmente non erano straordinariamente grandi. I Destrieri avevano prezzi eccezionalmente elevati, ma erano considerati il veicolo migliore per i ricchi combattenti sul campo di battaglia medievale. Solo una minoranza della cavalleria, in un dato momento, avrebbe potuto permettersi di cavalcare un destriero in combattimento.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*