Il serial killer dei cani colpisce a Sturla e a Marassi

Genova

Il serial killer dei cani colpisce a Sturla e a Marassi

serial killer

Continua implacabile il tentativo del maniaco omicida dei cani di operare una vera e propria carneficina. Il modus pensandi dell’assassino seriale resta ancora ignoto ma il modus operandi è sempre il medesimo. Difatti sono state ritrovate, questa volta in zona Sturla e precisamente in via Brigata Salerno, le solite spugne fritte che nell’odore ricordano il gusto della carne confondendo l’olfatto delle malcapitate bestiole.

Ed è crudele. Le spugne ingurgitate dall’animale rilasciano l’olio nello stomaco gonfiandosi a dismisura finendo per causare dolori atroci e, inevitabilmente, morte per blocco intestinale.

Inoltre, è stato ritrovato in zona Marassi – sparso in tutta via Cagliari, via Oristano e corso Sardegna -, del veleno in polvere per topi color giallo; metodo non certo indolore che, immancabilmente, se non viene preso in tempi ultra rapidi, porta a sicuro decesso.

Il ritrovamento delle spugne fritte sono due piuttosto grosse e visibili, ed erano buttate in un angolo di un parcheggio in via Brigata Salerno.

Il signore che l’ha ritrovate ha subito scattato una fotografia diffusa nell’etere virtuale; l’iter corretto che si dovrebbe compiere nel momento del ritrovamento delle esche oltre alla denuncia.

Mentre il ritrovamento del veleno a Marassi, ha fatto sì che si creasse un cartello esposto nelle strade, con su scritto un messaggio non proprio quel che si dice essere benevolo per il killer dei cani: “Ho trovato il veleno che hai messo. Se ti becco finisci di fare la vita dell’umano e farai il vegetale”. Subito sotto a questo, un altro messaggio minaccioso che dice: “Siamo in due, se ti becco io ti apro come un capretto!! Vergognati.”

La gente, dunque, è a dir poco arrabbiata per una situazione che sta diventando un vero e proprio incubo per i possessori di cani – in estate i decessi sono stati 12 accertati -. Miriam Quartini, persona che ha ritrovato le spugne fritte, mette in guardia tutti i padroni dei cani: “Bisogna tenere gli occhi ben aperti e portare il cane a fare i propri bisogni rigorosamente con la museruola e non temporeggiare: denunciare subito dopo il ritrovamento delle esche.”

In ogni caso, sono stati prontamente avvisati i carabinieri e i vigili del quartiere.

Inoltre, il ritrovamento sia delle spugne che del veleno è stato segnalato nella pagina Facebook ‘Emergenza bocconi avvelenati’, ove è sempre possibile confrontarsi per ogni caso e mandare il più possibile le foto delle esche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Salone Nautico
Genova

Nautico: Ice swimming, la novità dal mare nelle sfide estreme

22 settembre 2017 di Giada Talamo

Al Salone Nautico tante innovazioni di imbarcazioni ma anche le presentazioni di nuovi sport che stanno prendendo piede con la presenza di atleti come Paolo Chiarino che spiega la sua grande passione per questo straordinario sport acquatico. Una sfida con il mare. Col controllo mentale si può fare tutto.