Il sito americano Yelp si quota in borsa COMMENTA  

Il sito americano Yelp si quota in borsa COMMENTA  


Yelp è un marchio non ancora notissimo in Italia ma negli Stati Uniti è un nome notissimo, si tratta, infatti, di un sito che permette agli utenti di segnalare in modo gratuito prodotti e servizi, inserendo recensioni e commenti di gradimento o meno, mentre le aziende, a pagamento, possono mettere in vendita i rispettivi prodotti a prezzi fortemente scontati. Il suo debutto alla borsa di Wall Street è stato caratterizzato da un vero boom con un guadagno del 67%.
Yelp è una realtà comunque particolare, ha 66 milioni di utenti iscritti e la sua operatività è ulteriormente limitata alla presenza solo in alcune città statunitensi e al suo appoggiarsi prevalentemente su introiti pubblicitari, che rappresentano l’80% delle sue entrate e necessitano di molte figure professionali addette agli sponsor.

Leggi anche: Classifica degli sponsor più ricchi del calcio

Il professor Giuliano Noci Politecnico di Milano commenta così: “Numeri come quelli di Yelp sono assolutamente esagerati. Già in fase di collocamento valeva dieci volte il fatturato, mentre Google ne vale solo cinque.

Per di più, il modello di Yelp non è facilmente replicabile su scala mondiale: ha bisogno di tantissimi addetti per cercare pubblicità, che rappresenta l’80 per cento dei suoi ricavi.

Tanto è vero che è presente solo in alcune grandi città negli Stati Uniti. Non caso, l’anno scorso su 86 milioni di fatturato ne ha persi 15″.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*