Il teatro italiano in lutto: è morto Luca De Filippo

Attualità

Il teatro italiano in lutto: è morto Luca De Filippo

Se n’è andato anche lui, Luca De Filippo, l’ultima grande costola del grande Eduardo, e grande attore e regista teatrale italiano, cresciuto sotto l’ombra austera degli insegnamenti del padre. E’ stato un male incurabile, diagnosticato solo pochi giorni fa, a strappare Luca De Filippo agli amanti del grandi teatro.

Era nato 67 anni fa, dalla relazione avuta da Eduardo con la giovane soubrette Thea Prandi. E subito si sono levate le voci di dolore da parte delle istituzioni e dei grandi interpreti del teatro italiano, per la grave perdita. ‘La scomparsa di Luca De Filippo – ricorda il ministro Franceschini – ci priva di un grande interprete della scena italiana, autentico erede della tradizione napoletana capace di portare la sua verve non solo nel repertorio classico ma anche in quello contemporaneo conducendo una vita nel teatro, con il teatro, per il teatro‘.

Un addolorato Renzo Arbore ci ricorda che ‘quando muore un artista figlio di artisti come Luca, c’è un grande dolore e si rimane senza parole’.

Anche l’attore teatrale Luca Barbareschi ha voluto esprimere il cordoglio per il grave lutto che ha colpito il teatro italiano: ‘Un maestro che desidero omaggiare perché con lui se ne va non solo un amico ma anche un leale rappresentante del mondo teatrale, un esempio cristallino di cultura e tradizione, con lui si chiude un periodo, un’era culturale.

Ma il suo impegno e il suo grande cuore – haaggiunto Barbareschi – resteranno sempre con noi‘.

Commosso anche il sindaco di Napoli, la città che ha dato i natali a Luca De Filippo, che ha voluto esprimere il cordoglio di tutta la città partenopea: ‘Muore un grandissimo maestro del teatro contemporaneo, eccezionale interprete della più illustre tradizione teatrale napoletana’.

I funerali, in forma laica, si svolgeranno lunedi 30 novembre dalla 14 alle ore 18, al Teatro Argentina di Napoli. Nel fine settimana verrà osservato un minuto di silenzio in tutti i teatri italiani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche