Il telefono cade in acqua? Niente riso, ecco il metodo migliore per “salvarlo” COMMENTA  

Il telefono cade in acqua? Niente riso, ecco il metodo migliore per “salvarlo” COMMENTA  

Lo smartphone ti è caduto in acqua? Il rimedio è nel riso. In realtà, però, non è proprio così. Secondo una rivista scientifica, mettere il telefono nel riso non darà alcun effetto, il vero modo per salvarlo è un altro. Dopo il tuffo in acqua, lo smartphone va messo dentro un sacchetto di plastica sigillato con dell’alcol puro. Nel riso infatto il telefono perde l’umidità, assolta dall’amido,ma questo non significa necessariamente che tornerà a funzionare correttamente. Viene suggerito prima di iniziare l’operazione, di togliere la batteria, qualora possibile, e di estrarre la sim.

Leggi anche: ZTL Palermo: pass, permessi, targhe alterne, strade interessate


Con l’alcol pure, invece, l’acqua e i depositi minerali vengono spinti fuori evitando che danneggino l’apparecchio. Bisogna stare molto attenti a lavorare in sicurezza evitando il rischio che prenda fuoco, l’alcol pure è altamente infiammabile e questa operazione va fatta con il massimo della cautela.

Leggi anche

famigliadown
News

Bimbo Down abbandonato: famiglia cerca adozione

Un mese fa, al Policlinico di Bari, era stato partorito e abbandonato un bimbo affetto dalla Sindrome di Down e finalmente è arrivata una coppia disposta ad adottarlo. Il piccolo si trova ancora in una culla del reparto di Neonatologia nel capoluogo pugliese, ma quando sarà dimesso, avrà una casa pronta ad accoglierlo. Poco tempo prima era stata abbandonata nello stesso ospedale una bimba con la medesima patologia – causata, lo ricordiamo, dalla presenza di un cromosoma 21 in più – ed è stata subito "scelta". Diverso il caso del maschietto, per cui i richiedenti adozione hanno seguito un “lungo percorso” secondo la prassi. In entrambi in casi comunque si Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Il telefono cade in acqua? Niente riso, ecco il metodo migliore per “salvarlo” | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*