Il tempo delle alleanze: Grillo dice no a Di Pietro, Pd tra Vasto e Casini COMMENTA  

Il tempo delle alleanze: Grillo dice no a Di Pietro, Pd tra Vasto e Casini COMMENTA  

Bastano poche parole per dissolvere le già poche speranze di Di Pietro per un’alleanza con Beppe Grillo e Vendola. Due righe di post scriptum all’articolo “Nuovi colonialisti” cancellano ogni dubbio, se mai ce ne fossero stati: «Il Movimento 5 Stelle non si alleerà con nessun partito per le prossime elezioni e non ha ricevuto proposte da parte di alcuno».

Leggi anche: Summit di Atene: Tsipras e l’alleanza strategica con i paesi dell’Europa meridionale


Già Nichi Vendola, leader di Sel, si era tirato fuori dall’alleanza dei “non allineati”: «Non ci riguarda», aveva detto all’Agenzia Dire, aggiungendo, però, di credere in un’intesa tra Partito Democratico, Idv e Sel. Di Pietro, dal canto suo, ha riversato tutto il suo sdegno verso Bersani&Co. nel video in cui il segretario del Pd, in buona compagnia, viene ritratto come uno zombie di Romero.


Vendola, inoltre, ha respinto la definizione che Di Pietro ha dato di Sel, definito dall’ex magistrato un “non allineato”, definizione che per Vendola stesso è a metà tra il controsenso e l’antiquato: «Sentire parlare di “non allineati” è come quando sento parlare Casini di “fronte dei responsabili”: vecchissima politica. La nostra politica non può ridursi a schieramenti, dove non contano mai i contenuti. I problemi gravissimi del paese si devono affrontare cambiando la politica europea e rompendo con l’austerità di Monti».


Chi, invece, sta preparando una vera alleanza per le prossime elezioni è proprio il Partito Democratico. Il problema è che non sa ancora con chi. La cosiddetta “alleanza di Vasto”, che comprendeva Vendola e Di Pietro, sta naufragando proprio per la rottura con quest’ultimo. La stessa Europa, quotidiano e organo di stampa ufficiale del Pd, ha bollato l’ex magistrato come “nuovo nemico”.

L'articolo prosegue subito dopo


L’unione con l’Udc di Pier Ferdinando Casini, d’altro canto, nonostante le rassicurazioni da entrambi gli schieramenti, non sembrerebbe il  massimo dell’affidabilità, viste le tante differenze di vedute su argomenti fondamentali: uno su tutti, i matrimoni omosessuali, che tanto hanno agitato le acque in quel di Milano.

Nel dubbio, Bersani presenterà, martedì a Roma, la Carta di Intenti, il manifesto del patto dei democratici e dei progressisti. «Questo patto si rivolgerà non solo alle forze politiche di ispirazione democratica e progressista, ma ad associazioni e movimenti, agli amministratori, alla cittadinanza attiva e alle personalità che intendano concorrere a un progetto di governo in grado di affrontare la grande crisi che stiamo vivendo».

 

Leggi anche

Suzanne Brack: "volevo uccidere mia figlia"
Esteri

Suzanne Brack: “volevo uccidere mia figlia”

Suzanne Brack, 26 anni, mamma di due figlia. Cade in una bruttissima depressione post parto e una volta riuscita a sconfiggerla, si sfoga su facebook.   Suzanne Brack è una mamma di 26 anni di Dublino. Una mamma che ha voluto un secondo figlio ma che, dopo aver partorito una bellissima bambina, è caduta in una terribile depressione post parto che l'ho portata, giorno dopo giorno, all'alienazione e al pensare di odiare la sua piccolina.  Suzanne odiava la sua piccolina perché le toglieva il tempo pe ree sue cose, pe ri suoi interessi, perché la rendeva schiava di una routine che lei in quel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*