Il vaccino contro la febbre da fieno facilita gli starnuti in sole quattro settimane

Wellness

Il vaccino contro la febbre da fieno facilita gli starnuti in sole quattro settimane


Un vaccino per la protezione contro la febbre da fieno è stato sviluppato dagli scienziati che dicono che funziona più velocemente ed è più facile da prendere rispetto ai trattamenti esistenti.

Il vaccino richiede solo quattro punture nel corso di quattro settimane, rispetto ad altre terapie che possono richiedere mesi.

Questo perché la proteina del polline che il vaccino contiene – che aiuta il corpo per costruire l’immunità – è stata modificata consentendo di dare grandi dosi fin dall’inizio.
I sintomi di raffreddore da fieno, come il naso che cola, prurito agli occhi e starnuti sono causati da una risposta immunitaria iperattiva al polline.

Ma è l’unico del suo genere che funziona, secondo il dottor Tom Holdich, amministratore delegato di Allergy Therapeutics a Worthing, Sussex.

Il Regno Unito ha milioni di malati di febbre da fieno, che subiscono sintomi lievi, come un naso che cola a complicazioni più gravi come ad esempio attacchi di asma.

La maggior parte dei malati conta su farmaci come antistaminici e colliri, per alleviare i loro sintomi.

Ma per molti anni, i casi gravi sono stati trattati con immunoterapia, dove i medici iniettano piccole quantità di polline per aiutare a costruire l’immunità.

L’immunoterapia può essere molto efficace, ma ha bisogno di iniezioni settimanali sotto la pelle per diversi mesi, seguiti da un trattamento di un anno per mantenere i benefici.

Vi è anche un rischio significativo di effetti collaterali e uno su 500 pazienti ha una reazione potenzialmente letale.

I ricercatori hanno dato a 1.028 volontari in Europa e in Nord America il suo vaccino – Quattro Pollinex – o un placebo poco prima dell’inizio della stagione 2007.

Durante le quattro settimane ‘di punta’ i sintomi erano in media il 13 per cento meno gravi in soggetti vaccinati, secondo i rapporti di New Scientist.

Un terzo di volontari ha registrato i sintomi tra maggio e settembre e per loro l’effetto sembra essere raddoppiato.

il Dr Neil Kao, un medico con sede a Greenville, South Carolina, ha dichiarato: ‘La dimensione della risoluzione del sintomo è piccola, ma la convenienza è molto alta.’

La società presenterà i risultati presso l’incontro dell’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica a Barcellona.

Così come il polline, Pollinex contiene monofosforil lipide A (MPL), che ‘sintonizza’ il sistema immunitario, smorzando la solita reazione al polline e incoraggiando una risposta più mite.

Le logge del vaccino nel tessuto piuttosto che andare direttamente nel flusso sanguigno – prolunga il suo effetto sul sistema immunitario.

Allergy Therapeutics spera di chiedere l’approvazione in Europa il prossimo anno.

Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration riesamina la sicurezza dei MPL, che è anche presente in un vaccino per il cancro della cervice uterina fatto da GlaxoSmithKline.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche