Il Vertice a Panama Cancella 50 anni di Guerra COMMENTA  

Il Vertice a Panama Cancella 50 anni di Guerra COMMENTA  

Panama sembra ormai finito il congelato rapporto tra Cuba e gli Stati Uniti. Infatti al vertice che si è tenuto a Panama i due presidenti Obama e Castro si sono parlati. Infatti nei ricordi di molti di noi non risulta un incontro in cui i presidenti delle due nazioni sedessero allo stesso tavolo, uno di fronte all’altro per avere un faccia a faccia. Questo è accaduto in questi giorni a Panama. Questo si può definire un ulteriore svolta per quanto riguarda le ostilità che c’erano tra i due paesi. Infatti pare proprio che Obama e Castro siano arrivati alla conclusione che bisogna assolutamente cambiare pagina.

Leggi anche: Calendario Red Hot contro il bullismo


Obama e Castro, Panama anche se con qualche differenza i due si sono detti convinti che questo è il momento giusto per cambiare il corso della storia. Infatti si sono detti pronti a parlare di qualsiasi cosa. I due presidenti si sono visti in una piccola sala dove si è tenuto il congresso del Vertice delle Americhe a Panama. Incontro che passerà alla storia come il luogo in cui si è concretizzato quel processo di disgelo tra le due Nazioni quella di Cuba e quella degli Stati Uniti.

Leggi anche: 50enne arrestato: sotto la scuola per molestare ragazzina


Panama. L’incontro è durato circa un ora ed è stato fatto in forma privata, al termine i due si sono detti alquanto ottimisti del da farsi.

Obama ha dichiarato che è convinto che da adesso in poi si continueranno a fare progressi. Mentre Castro ha detto che tutte le domande che gli verranno fatte saranno risposte nella conferenza stampa.

L'articolo prosegue subito dopo

È comunque opportuno dire che i due presidenti hanno alcune visioni che sono molto differenti, ma che di sicuro troveranno i vari accordi.

Leggi anche

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste
Esteri

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste

 Tre donne: la presidente cinquantenne del consiglio comunale di Imatra, Tiina Wilén-Jappinen e due giornaliste, una trentenne l'altra sui cinquanta, sono state assassinate da un uomo. Tre donne  assassinate da un uomo solo, il 23enne Jori Lasonen, proprio all'entrata di un ristorante nel quartiere della vita notturna della cittadina meridionale di 28mila abitanti a circa 230 chilometri dalla capitale Helsinki e non lontano dal confine russo. L'uomo è un pregiudicato che nel 2013 aveva già aggredito con un pugnale alcuni passanti, uomo che è stato arrestato ed è adesso sottoposto a stringenti interrogatori. Afferma però  la portavoce della polizia, la Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*