In arrivo sempilificazioni fiscali per le aziende COMMENTA  

In arrivo sempilificazioni fiscali per le aziende COMMENTA  


Le aziende sono in attesa dei probabili provvedimenti di semplificazione fiscale che il governo Monti dovrebbe adottare nei prossimi giorni. Ecco aalcuni degli interveni che potrebbero essere adottati:
– le ritardate comunicazioni per fruire dei benefici fiscali saranno “perdonate”, e quindi non andranno perse;

– la reintroduzione delle esenzioni ai fini dell’IMU;

– l’acconto IMU del prossimo mese di giugno si pagherà considerando soltanto le aliquote fissate per Legge (4 per mille sulla prima casa, 7,6 per mille sugli altri immobili);

– l’azzeramento delle attuali comunicazioni da presentare all’Agenzia delle Entrate in maniera distinta con apposito modello (ad es. tonnage, rinnovo per la tassazione di gruppo, opzione Irap per la tassazione in base ai dati di bilancio da parte delle ditte individuali o delle società di persone), facendole confluire in un quadro dei vari Modelli Unico;

– la reintroduzione del “vecchio” elenco clienti e fornitori in sostituzione dell’attuale “spesometro”;

– lo snellimento di taluni adempimenti fiscali, come nel caso della liquidazione Iva di gruppo.

Leggi anche: Dare in affitto una o più camere, cosa c’è da sapere

Leggi anche

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l'affitto
Economia

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l’affitto

In Italia aumentano le famiglie che non riescono a pagare la rata del mutuo e dell'affitto. Il numero di chi non arriva fine mese ha toccato il picco massimo degli ultimi 11 anni.   Circa il 5,4% delle famiglie italiane non paga regolarmente la rata del mutuo o la quota dell’affitto. Sempre più italiani  in `bolletta´, un valore che è cresciuto notevolmente e che nel 2015 ha raggiunto il livello massimo del decennio. Questi i risultati dell'indagine all'Istat sulle condizioni di vita, un indagine che evidenzia chiaramente che il 60% degli italiani fa fatica a effettuare regolarmente i pagamenti e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*