In fuga dal rumore

 

Da nord a sud,non c’è pace per i timpani. Traffico, clacson, sirene, trivelle, motociclette, camion della spazziatura, gente che conversa al cellulare ad alta voce in strada, in treno, in metropolitana.

Leggi anche: Andiamo a comandare: mille persone in spiaggia per ballare il tormentone

La sera va anche peggio :c’è chi è costretto a subire la movida, concerti all’aperto, feste, schiamazzi fino a tardi, vicini turbolenti, rombo degli impianti industriali.

Leggi anche: Ritrovata una GoPro nel fiume: il video del suo fantastico viaggio tra le acque

Il silenzio è diventato un bene raro, persino in vacanza. E le conseguenze si sentono. Cosa fare?la domenica è il giorno ideale per andare a scoprire, a piedi o in bicicletta,  a segnalare le zone dove regna la tranquillità ci pensa l’Accademia del silenzio (www.lua.it/accademiasilenzio/i-luoghi-del-silenzio). Ci sono le sound walking passeggiate che insegnano come mettersi in ascolto, organizzate in diverse parti d’Italia, anche di notte.

Leggi anche: Villaggi olimpici abbandonati: speciale Olimpiadi

Ci sono mete speciali in Italia e in Europa che invitano alla riflessione e alla quiete assoluta. Una di queste è il Lago d’Orta (www.lagodorta.net– clicca su luoghi della fede)troverai il percorso del silenzio e della meditazione: se cammini in un senso si leggono cartelli in cui si parla di forza e di efficacia del silenzio mentre nell’altro le scritte inducono alla riflessione interiore.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: Gessopalena, gesso, nazisti e terremoti

Per l’estate si può puntare anche ad un’oasi di pace: i Relais du silence o le comunità monastiche che danno ospitalità e poi ci sono hotel con soluzioni ad hoc come i “Crowne Plaza” che hanno zone protette in cui dalle ore 21 alle ore 18 del mattino non ci sono rumori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*