In fuga dal rumore

 

Da nord a sud,non c’è pace per i timpani. Traffico, clacson, sirene, trivelle, motociclette, camion della spazziatura, gente che conversa al cellulare ad alta voce in strada, in treno, in metropolitana.

Leggi anche: Discovery Island, il parco abbandonato della Walt Disney

La sera va anche peggio :c’è chi è costretto a subire la movida, concerti all’aperto, feste, schiamazzi fino a tardi, vicini turbolenti, rombo degli impianti industriali.

Leggi anche: Santa Colomba: escursione fra gli eremi abruzzesi

Il silenzio è diventato un bene raro, persino in vacanza. E le conseguenze si sentono. Cosa fare?la domenica è il giorno ideale per andare a scoprire, a piedi o in bicicletta,  a segnalare le zone dove regna la tranquillità ci pensa l’Accademia del silenzio (www.lua.it/accademiasilenzio/i-luoghi-del-silenzio). Ci sono le sound walking passeggiate che insegnano come mettersi in ascolto, organizzate in diverse parti d’Italia, anche di notte.

Ci sono mete speciali in Italia e in Europa che invitano alla riflessione e alla quiete assoluta. Una di queste è il Lago d’Orta (www.lagodorta.net– clicca su luoghi della fede)troverai il percorso del silenzio e della meditazione: se cammini in un senso si leggono cartelli in cui si parla di forza e di efficacia del silenzio mentre nell’altro le scritte inducono alla riflessione interiore.

L'articolo prosegue subito dopo

Per l’estate si può puntare anche ad un’oasi di pace: i Relais du silence o le comunità monastiche che danno ospitalità e poi ci sono hotel con soluzioni ad hoc come i “Crowne Plaza” che hanno zone protette in cui dalle ore 21 alle ore 18 del mattino non ci sono rumori.

Leggi anche

Ingresso dell'isola abbandonata della Disney
Viaggi

Discovery Island, il parco abbandonato della Walt Disney

  Avventuriamoci alla scoperta di un parco naturalistico disneyano abbandonato che si trova in Florida, costruito su un’isoletta chiamata Discovery Island. E’ andato a vistarlo con alcuni amici un ragazzo di Miami appassionato di fotografia, Shane, che una notte, nel 2009, decise di nuotare in uno dei tanti laghi della zona proprio per raggiungere l’isola, ormai abbandonata, nonostante fosse stata  fatta circolare la voce – magari proprio dalla Disney – che quelle acque erano infestate da un misterioso batterio killer dal nome impronunciabile che può causare la meningite – da qualsiasi zona paludosa della Florida si può non uscire indenni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*