In mostra il relitto di Antikythera

Cultura

In mostra il relitto di Antikythera

Dopo oltre un secolo dalla scoperta casuale del relitto di Antikythera, i reperti archeologici portati allora alla luce si potranno vedere esposti tutti insieme grazie ad una mostra organizzata dal Museo Archeologico Nazionale di Grecia dal titolo “Il relitto di Antikythera – La nave – I tesori – Il meccanismo”.

Machine_d'Anticythère
Machine_d'Anticythère

La mostra sara’ inaugurata il prossimo 5 aprile e rimarra’ aperta sino alla fine di aprile 2013.

Si tratta di 378 reperti fra i quali sculture, vasi di argilla e di bronzo, monete, gioielli, frammenti della nave e, naturalmente, il famoso meccanismo di Antikythera, considerato il piu’ antico computer mai realizzato. “Il piu’ antico esemplare della tecnologia sopravvissuto e che cambia completamente le nostre conoscenze circa l’antica tecnologia ellenica”, affermo’ parlando di questo misterioso oggetto il suo primo studioso, il fisico e matematico britannico Derek De Solla Price.

Il relitto venne scoperto casualmente da un gruppo di pescatori di spugne che, a causa del mare agitato, furono costretti a fermarsi nell’isola di Antikythera, nel Sud del Peloponneso, per aspettare il ritorno del bel tempo.

Era il Martedi’ Santo della Pasqua del 1900 quando uno del gruppo, di nome Ilias Lykopantis, si tuffo’ in acqua in cerca di spugne.

Arrivato ad una profondita’ di circa 50 metri, l’uomo si trovo’ di fronte al relitto con il suo carico sparso tutto intorno. Il naufragio era avvenuto tra il 50 ed il 60 a.C. I primi reperti furono riportati in superficie tra il 1900 e il 1901 e tutti gli altri molto piu’ tardi – nel 1976 – con l’appoggio della nave oceanografica di “Calypso” dell’esploratore francese Jacques-Yves Cousteau.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.