Inchiesta della Guardia di Finanza su società petrolifere COMMENTA  

Inchiesta della Guardia di Finanza su società petrolifere COMMENTA  

Mentre i prezzi della benzina in Italia restano alti nonostante il crollo della quotazione internazionale, la Guardia di Finanza avvia un’inchiesta su alcune grandi compagnie petrolifere: Tamoil, Shell, Esso, Eni, Q8, TotalErg, Api, che avrebbero illecitamente alzato il prezzo dei carburanti.


L’inchiesta, avviata con la Procura di Varese, ipotizza a carico di tali compagnie i reati di: rialzo e ribasso fraudolento dei prezzi sul mercato, truffa e manovre speculative su merci.

L’indagine è scattata dopo l’esposto dell’associazione dei consumatori Codacons. I militari del nucleo di polizia tributaria hanno ricostruito le variazioni dei prezzi (in aumento e diminuzione) nel periodo di tempo che va da Gennaio 2011 a Marzo 2012.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*