Inchiesta Dirty Soccer: 17 nuovi arresti COMMENTA  

Inchiesta Dirty Soccer: 17 nuovi arresti COMMENTA  

Prosegue l’attività degli inquirenti nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse, denominata ‘Dirty Soccer’.

Sono 17 le misure cautelari (fra custodia in carcere e arresti domiciliari) disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catanzaro, alcune delle quali a carico di persone già coinvolte all’inizio nell’inchiesta, quando la Direzione Distrettuale Antimafia aveva emesso 50 provvedimenti di fermo e 70 nomi erano finiti nel registro degli indagati (calciatori, ex calciatori, dirigenti e tesserati o ex tesserati di società calcistiche minori ritenuti a vario titolo coinvolti in un sistema per il quale il reato ipotizzato era ed è quello di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva).

Di particolare importanza è stata, in questi giorni, l’analisi delle intercettazioni da parte della magistratura calabrese, attività in merito alla quale il Capo della Squadra Mobile di Catanzaro, Rodolfo Ruperti, si è espresso con grande franchezza: “siamo rimasti nauseati per quello che abbiamo intercettato. Non c’è stato un telefono, tra quelli sotto controllo, in cui non si parlava di alterare o truccare partite. Se ne parlava in continuazione, in alcuni casi anche solo per millantare».

Leggi anche: Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum


Parole che definiscono bene l’estensione del sistema sotto inchiesta.

Intanto, l’avvocato Renato Borzone, legale del presidente del Teramo, squadra neo promossa in serie B al centro delle cronache degli ultimi giorni per una presunta combine nel match decisivo contro il Savona, ha dichiarato che, “dai primi atti” da lui analizzati, emergerebbe “un profilo di totale estraneità” del suo assistito.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Inchiesta Dirty Soccer: 17 nuovi arresti | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*