Inchieste: le più difficili sono per le calamità

Attualità

Inchieste: le più difficili sono per le calamità

“Inchieste e processi su alluvioni, frane, terremoti, sono più difficili di quelle per la malavita organizzata, soprattutto per le difficoltà dovute alla ricostruzione dei fatti. Spesso quindi si finisce con l’archiviazione del caso, anche se è giusto farli per cercare di dare delle risposte ai parenti delle vittime”. E’ il procuratore di Vibo Valentia a parlare, vero esperto su tali generi di processi. Secondo lui una buona parte di responsabilità risiede nella non corretta cultura di tutela del territorio, anzi a volte proprio della totale assenza di tale cultura, soprattutto di chi va a costruire l’opera, che troppe volte viene “gestita” solo per il gusto di costruire, senza pensare alle conseguenze eventuali da prevedere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche