Inchieste: le più difficili sono per le calamità COMMENTA  

Inchieste: le più difficili sono per le calamità COMMENTA  

“Inchieste e processi su alluvioni, frane, terremoti, sono più difficili di quelle per la malavita organizzata, soprattutto per le difficoltà dovute alla ricostruzione dei fatti.

Leggi anche: Alluvione nel Torinese: c’è un disperso

Spesso quindi si finisce con l’archiviazione del caso, anche se è giusto farli per cercare di dare delle risposte ai parenti delle vittime”. E’ il procuratore di Vibo Valentia a parlare, vero esperto su tali generi di processi.

Leggi anche: Allerta meteo e il Tanaro rischia di esondare

Secondo lui una buona parte di responsabilità risiede nella non corretta cultura di tutela del territorio, anzi a volte proprio della totale assenza di tale cultura, soprattutto di chi va a costruire l’opera, che troppe volte viene “gestita” solo per il gusto di costruire, senza pensare alle conseguenze eventuali da prevedere”.

Leggi anche

stefano-cucchi
Cronaca

Ilaria Cucchi pubblica la foto di Natale di Stefano, ‘avrai giustizia’

Ha postato una foto natalizia. Ma non è certo uno scatto che porta a sorridere, quello pubblicato poco fa su Facebook da Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, morto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare. Da quel giorno Ilaria e la famiglia sono coinvolti in uno dei casi di cronaca giudiziaria più complessi ed intricati degli ultimi anni poichè coinvolge anche agenti di polizia penitenziaria, oltre ad alcuni carabinieri e medici del carcere di Regina Coeli. La foto mostra un sorridente Stefano con indosso un cappello da Babbo Natale, appoggiato al tavolo di fronte all'albero di Natale; nel messaggio Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*