Incidente Cervino: morti guida alpina e maestro di sci COMMENTA  

Incidente Cervino: morti guida alpina e maestro di sci COMMENTA  

Sono precipitati sul versante sud del Cervino mentre salivano la Via Deffeyes e si sono schiantati contro le rocce. Così sono morti Ottavio Gerard, presidente delle guide alpine del Cervino e Joel De’anoz, maestro di sci.

Leggi anche: Calendario Red Hot contro il bullismo

Erano partiti ieri mattina per l’impegnativa ascensione, ma alla sera non hanno fatto rientro ed è scattato l’allarme. Questa mattina il Soccorso alpino valdostano ha effettuato un sorvolo con l’elicottero nella zona ed ha avvistato e recuperato i due corpi che sono stati trasportati ad Aosta

La causa di questo triste incidente è stata probabilmente una caduta di sassi. Lo ha riferito Lucio Trucco, responsabile del soccorso alpino della zona, che ha anche aggiunto che le condizioni della montagna sono ottimali e i due alpinisti erano ben allenati e preparati.

Leggi anche: 50enne arrestato: sotto la scuola per molestare ragazzina

L’incidente si è verificato a 3.900-4.000 metri. I corpi sono stati recuperati a 3.600 metri di quota, per una caduta di alcune centinaia di metri. La Via Deffeyes è considerata una delle più impegnative del Cervino con 4-5 ripetizioni finora realizzate. Dell’accaduto si sta occupando la guardia di finanza di Cervinia.

Gérard Ottavio, 40 anni, era presidente della Società delle Guide del Cervino, una delle più prestigiose dell’arco alpino. Stava accompagnando l’amico Joel Déanoz, 36 anni, maestro di sci e direttore della scuola di sci di Breuil-Cervinia. Déanoz era figlio di una guida alpina e intendeva seguire le orme paterne. Si stava allenando per accedere al corso professionale.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Ragazzo di 16 anni scomparso: ritrovato decapitato
Esteri

Ragazzo di 16 anni scomparso: ritrovato decapitato

Scompare a 16 anni e viene ritrovato sulla sponda di un fiume decapitato. Arrestato un suo compagno di scuola.   Quando è uscita di casa non si sarebbe mai aspettata di trovarsi di fronte una scena da vero film horror sulle sponde del fiume Merrimack, nei pressi di Lawrence, in Massachusetts. Stava passeggiando con il suo cane quando ha visto quel corpo smembrato e abbandonato tra le sterpaglie: il macabro resto di un omicidio di un adolescente per il quale adesso gli investigatori hanno arrestato un compagno di scuola che dovrà rispondere davanti ai giudici di omicidio di primo grado. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*