Incidente Valmontone-Colleferro: aggiornamenti COMMENTA  

Incidente Valmontone-Colleferro: aggiornamenti COMMENTA  

incidente

Incidente Valmonte-Colleferro: tratto di autostrada chiuso per incidente tra due tir. Chilometri di coda in direzione Napoli e Roma.

Un tragico incidente tra Valmonte-Colleferro, sull’autostrada A1, ha rallentato il traffico della giornata di ieri, 28 giugno, all’incirca intorno alle 10 del mattino. All’altezza di Valmontone, precisamente al chilometro 588, lo scontro tra due tir ha bloccato la circolazione per diverse ore: uno dei due mezzi si è ribaltato sulla carreggiata, mentre l’altro si è rovesciato, invadendo tutte e tre le corsie. L’incidente ha causato oltre 9 km di coda in direzione Napoli.

Leggi anche: ULTIM’ORA Cagliari. Schianto fra due auto. 21enne perde la vita


La circolazione ormai procede su due sole corsie, mentre i soccorsi aspettano di rimuovere il mezzo. Il tratto tra Anagni e Valmontone in direzione Roma è stato chiuso, provocando 7 km di coda.

Leggi anche: La danza del Papa: video virus su WhatsApp

I due autisti dei tir sono stati ricoverati in codice rosso agli ospedali di Tor Vergata e Umberto I di Roma. Sul posto sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale e dei vigili del Fuoco.

Su consiglio di Autostrade per l’Italia, dopo essere usciti ad Anagni, proseguire sulla via Casilina verso Valmonte, per poi rientrare in autostrada verso Roma.

L'articolo prosegue subito dopo

Per chi invece proviene dal Grande Raccordo Anulare, in direzione Napoli, si consiglia di uscire a San Cesareo, percorrere la Strada Statale 6 Casilina.

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*