India, 46 morti per fulmini nel Bihar. Piogge monsoniche, colpito anche Uttar Pradesh COMMENTA  

India, 46 morti per fulmini nel Bihar. Piogge monsoniche, colpito anche Uttar Pradesh COMMENTA  

Uno scatto che ritrae un allagamento del Bihar a seguito dei temporali tropicali portati dai monsoni
Uno scatto che ritrae un allagamento del Bihar a seguito dei temporali tropicali portati dai monsoni

India – Stato Nord Orientale del Bihar. Il bilancio dei morti provocati dai fulmini che nelle ultime 24 ore si sono scagliati sulla zona indiana è salito a 46. A confermarlo, l’agenzia stampa Ani. In queste ore, si continuano a cercare vittime e superstiti.

Leggi anche: “Se non fai sesso con me pubblico le tue foto hot”: arrestato per stupro


Il segretario generale indiano che si occupa delle catastrofi naturali in Bihar, Vyas Ji, ha inoltre dichiarato che, oltre ai 46 morti accertati, si contano 8 feriti, di cui 2 molto gravi. In precedenza la stessa agenzia aveva promulgato un bollettino in cui era stato stilato un bilancio provvisorio di 43 vittime.

Leggi anche: Bidello addormenta uno studente per violentarlo. Sul cellulare trovati sms hard agli alunni


Questo disastro naturale si colloca all’interno della stagione monsonica indiana, un periodo che prevede abbondanti piogge che provocano molti danni sia alle cose che alle persone. I monsoni sono venti ciclici caldi che colpiscono, ogni anno, l’Oceano Indiano portando venti forti, abbondanti precipitazioni, tifoni e cicloni tropicali piuttosto violenti. Il periodo monsonico in India dura da Maggio/Giugno a Ottobre/Novembre. L’India tuttavia non è l’unica nazione colpita dai monsoni: Guinea, Messico, Venezuela, Australia, Somalia e Penisola Iberica sono altri paesi in cui questi venti provocano disagi, anche se in modo più contenuto.


 

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*