India, condannata allo stupro di gruppo dagli anziani COMMENTA  

India, condannata allo stupro di gruppo dagli anziani COMMENTA  

India, manifestazione a New Delhi dopo stupro di gruppo su studentessa

“Colpevole” di aver intrattenuto un relazione amorosa con un giovane appartenente ad un’altra comunità tribale: per questo motivo una ragazza di venti anni è stata violentata da dieci uomini, in base ad una punizione stabilita per lei dal Consiglio degli anziani. La giovane, ricoverata in ospedale in gravi condizioni, ha poi avuto il coraggio di denunciare gli stupratori, che sono stati arrestati.


L’increscioso episodio è avvenuto in un piccolo villaggio del Birbhum, dove vige l’osservanza di un rigido codice di condotta fissato dal “Khap” (Consiglio degli anziani). Quando la ragazza è stata scoperta in casa del giovane, i responsabili della comunità li hanno prima sequestrati, condannati al pagamento di una multa di 35 mila rupie (pari a circa 300 euro), e poi hanno deciso di infliggere alla donna l’atroce punizione di essere stuprata da dieci uomini.


Condotta in un luogo appartato, la povera ragazza è stata violentata per ore da quelli che lei considerava “zii”, ossia gli uomini adulti del vicinato. La famiglia della ragazza non si è sottomessa a tale orrore, e ha denunciato il fatto.

Su indicazione della vittima, sono finite in manette tredici persone. Purtroppo in questi villaggi rurali indiani la pratica delle punizioni esemplari è abbastanza diffusa: quattro anni fa un’altra ragazza fu costretta a sfilare senza vestiti in strada per avere avuto un flirt con un ragazzo appartenente ad un altro villaggio.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*