Infarto: come salvare qualcuno nei primi momenti

Salute

Infarto: come salvare qualcuno nei primi momenti

Infarto: come salvare qualcuno nei primi momenti
Infarto: come salvare qualcuno nei primi momenti

Ci sono solo 10 secondi per salvare qualcuno dalle conseguenze di un infarto. Ecco cosa bisogna fare.

Quando ci si trova davanti ad un caso di infarto ci sono alcune mosse da compiere. Ma la cosa più importante è compiere le azioni in fretta dopo aver immediatamente chiamato il pronto soccorso.

I sintomi. Innanzitutto è necessario riuscire a capire in tempo se è in corso un infarto. Di solito un infarto è accompagnato da un dolore al braccio sinistro, senso di soffocamento e un forte dolore astringente al petto. Alcuni soggetti presentano fiato corto e vertigini. In altri possono verificarsi sudorazione fredda e agitazione. Alcune persone oltre alla nausea e al vomito possono perdere i sensi. Per questo motivi è bene osservare attentamente i sintomi per riuscire a capire se è davvero in atto un infarto. I soggetti a rischio sono le persone ipertese, diabetiche, in sovrappeso, i fumatori, chi segue uno stile di vita sedentario.

Chiunque si riconosca in uno di questi soggetti deve essere sempre sotto controllo medico. Sarà lo specialista che lo ha in cura a prescrivere eventuali farmaci salvavita. Infatti esistono farmaci con effetto vasodilatatore sublinguali da usare in caso di bisogno.

Quando ci siamo accertati che è in corso un infarto ecco le azioni da compiere:

  • la persona colpita da infarto deve essere tenuto ben sveglio;
  • Non deve compiere sforzi e deve mantenere la calma;
  • stare in posizione eretta e fare lunghi respiri;
  • assumere un’aspirina da 325 mg

Quando si chiama il 118, bisogna sempre comunicare i sintomi del paziente e se si sospetta un infarto. In questo modo i soccorsi potranno essere tempestivi, in quanto il personale medico avrà al seguito tutto quanto necessario per far fronte alla patologia sopravvenuta.

Nei luoghi pubblici, scuole, palestre dovrebbero esserci defibrillatori e bisognerebbe organizzare corsi di primo soccorso. Infatti in ambienti come le scuole o le associazioni frequentati da tante persone è importante poter intervenire in modo tempestivo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...