Influenza: le tisane per combatterla

News

Influenza: le tisane per combatterla

tisana_influenza

Raffreddore ed influenza sono in agguato, costringendo come ogni anno milioni di italiani a letto. Prima di ricorrere ai medicinali, però, sappiate che è possibile combattere questi malanni di stagione in modo assolutamente naturale. Decotti e tisane sono rimedi molto efficaci, da bere sciogliendo un po’ di miele al posto dello zucchero, poiché ha effetto sedativo e antinfiammatorio, soprattutto in caso di tosse.

Per prevenire l’influenza, prima ancora che compaiano i primi sintomi, l’ideale è preparare un infuso a base di karkadè e bacche di rosa canina (si vendono in bustine già pronte in erboristeria). Le erbe si lasciano in infusione per circa sette minuti, poi si bevono aggiungendo miele per dolcificare oppure succo di limone.

Per il raffreddore non c’è rimedio migliore dello zenzero, che contiene sostanze anti-infiammatorie che agiscono inibendo i sintomi. Lo zenzero può essere consumato sia fresco (a fettine) sia secco o confezionato in bustine. La tisana di zenzero ha un sapore gradevole e meno forte rispetto alle fettine fresche.

Preparare un infuso a base di zenzero è facile: si immergono in acqua bollente alcune fettine, si lasciano in infusione per cinque minuti, poi si beve.

Se i sintomi riguardano soprattutto l’apparato gastro-intestinale (nausea, mal di stomaco, vomito) può andare bene un infuso di camomilla, che rilassa le contrazioni e gli spasmi, e un po’ di zenzero fresco da masticare in caso di nausea persistente. Se vi è una dissenteria forte e continua, è consigliabile una tisana a base di tè verde e agrimonia, entrambi con proprietà astringenti.

In caso di tosse e catarro, che possono provocare problemi di tipo respiratorio, si può preparare un efficace infuso a base di tre erbe: fiori di lavanda, fiori di timo, foglie di eucalipto. Per calmare la tosse, è consigliabile bere questo infuso per due-tre volte al giorno. A piacere, dolcificare con un cucchiaino di miele.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche