Ingrid la star del volley incinta, torturata e fatta a pezzi con una motosega

Cronaca

Ingrid la star del volley incinta, torturata e fatta a pezzi con una motosega

Madrid- Secondo le prime ricostruzioni trapelate dalla tv nazionale, l’inchiesta della magistratura sul duplice omicidio della star olandese del volley, Ingrid Visser, 37 e il compagno Lodewijk Severin, 57 anni, ha portato a galla particolari sconcertanti. I due si trovavo a Murcia lo scorso 13 maggio per un soggiorno di 3 giorni, durante il quale avrebbero dovuto recarsi in una clinica di fertilità. Secondo tali indiscrezioni, la donna era incinta di sei settimane e prima di essere uccisi sono stati torturati, presumibilmente tra il 13 e il 14 maggio, dagli aguzzini e poi fatti a pezzi con una motosega. Le ricostruzioni degli inquirenti sostengono che entrambi sarebbero morti per violenza estrema. Mentre dalla tv scopriamo che i due cadaveri vennero poi seppelliti e che le teste erano staccate dai corpi e a Lodewijk Severin, mancavano anche i denti. Un crimine agghiacciante, per il quale al momento sono state fermate tre persone, due romeni Valentin Ion, 59 anni, e Constantin Stan, 47 anni e lo spagnolo Juan Cuenca Lerente, di 36 anni, proprietario della limonaia dove sono stati scoperti i cadaveri. L’ultimo dei fermati era stato dirigente della squadra di pallavolo Club atletico Voelibol Murcia 2005 in cui aveva giocato Ingrid, fino a quando la squadra non chiuse due anni fa.

Tra le ipotesi per il duplice omicidio, forse un debito contratto dall’atleta o dal compagno, i due rumeni presumibilmente sarebbero stati assunti per torturarli e poi ucciderli.

Castellano Stefania

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...