Iniziato il processo alla ex Fibronit

La prima udienza i è tenuta il 16 aprile 2012 presso il Tribunale di Voghera, si tratta del processo penale che vede imputata la ex Fibronit, che dal 1932 al 1994 ha prodotto tonnellate e tonnellate di amianto. Il processo ha ad oggetto i danni alla salute cagionati a migliaia di dipendenti e abitanti della zona di Broni (Pv) e i danni all’ambiente circostante. Gli imputati del processo sono dieci, tra cui l’ex direttore Maurizio Modena e l’ex amministratore delegato Dino Stringa e i capi di mputazione sono molteplici, omocidio colposo plurimo, lesioni colpose, disastro doloso, omissione dolosa delle norme aninfortunistiche. Le costituzioni di parte civile in questo processono sono state ben 250 tra cui l’Azienda Sanitaria locale, la regione Lombardia, la provincia di Pavia, il comune di Broni, l’unione dei comuni di Albaredo e Campospinoso, l’Associazione italiana espsoti all’amianto, Legambiente, Medicina democratica e Wwf. All’udienza del 3 maggio si saprà quali sono le costituzioni di parte civile ammesse al processo.

Leggi anche: Pmi, il 70% ha problemi di recupero crediti

Leggi anche

banca centrale europea
Economia

Banca Centrale Europea a favore del Jobs Act: favorisce l’occupazione

La Banca Centrale Europea si schiera a favore del Jobs Act. Ha contribuito al rinnovato dinamismo italiano, secondo l'istituto guidato da Mario Draghi. Mario Draghi e la Banca Centrale Europea si sono espressi a favore del Jobs Act. La riforma del mondo del lavoro promossa a partire dallo scorso anno dall'esecutivo guidato da Matteo Renzi "ha contribuito al rinnovato dinamismo dell'occupazione nel paese negli ultimi trimestri". E' con queste parole, riportate nel bollettino Bce di questo mese, che l'istituto presieduto da Mario Draghi ha promosso il Jobs Act. Accelerazione nell'ambito dell'occupazione negli ultimi 4 trimestri, ma prestazione complessiva inferiore a [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*