Insieme sette Camere di Commercio di montagna COMMENTA  

Insieme sette Camere di Commercio di montagna COMMENTA  

Una rete tra Camere di commercio operanti nell’area alpina. Questo il progetto promosso dagli enti camerali di Aosta, Belluno, Bolzano, Cuneo, Sondrio, Verbano- Cusio-Ossola e Trento nell’obiettivo di individuare progettualità capaci di dare nuovo impulso all’economia di montagna, guardando, in particolare, alla filiera foresta- legno-energia, al turismo, alla efficienza energetica, alla edilizia sostenibile, a frutticoltura ed innovazione. Il lavoro, già avviato, si basa su confronti quantitativi e qualitativi tra le realtà aderenti e cerca di fare rete inducendo a operare insieme. La raccolta dati, già partita per consentire una comparazione attendibile, è stata presentata a fine maggio in un incontro svoltosi a Trento che ha avallato anche l’adesione della Camera di commercio di Cuneo.

Nel corso della riunione, coordinata da Unioncamere, il presidente nazionale Ferruccio Dardanello ha sottolineato l’importanza del “mettere in comune” le conoscenze e di “selezionare le idee più innovative” per superare le fragilità dei territori di montagna, valorizzandone il patrimonio. “Le produzioni dell’arco alpino – ha precisato Dardanello – non sono concorrenziali, ma complementari tra loro e costituiscono un interessante e valido punto di partenza per un’azione di riscoperta e potenziamento”.

Le tematiche analizzate sono quelle relative alla qualità della vita, alle caratteristiche del credito, alla vocazione turistica, all’accessibilità, alla propensione all’export e all’interesse per l’innovazione e alle problematiche relative al settore lattiero-caseario. Sono state individuate come oggetto di futuro approfondimento altrettante problematiche relative all’efficienza energetica e all’edilizia sostenibile che saranno analizzate in incontri periodici e corredate da proposte che porteranno alla realizzazione di un “report” annuale, all’individuazione delle pratiche migliori, alla stesura di progetti congiunti con utilizzo di fondi europei e alla partecipazione unitaria a fiere del settore.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*