Insultata su Twitter perché vuole farsi sterilizzare: costretta a disattivare l’account COMMENTA  

Insultata su Twitter perché vuole farsi sterilizzare: costretta a disattivare l’account COMMENTA  

Solo pochi giorni fa aveva fatto notizia la decisione della 29enne Holly Brockwell, che dopo 5 anni di battaglie ha ottenuto l’autorizzazione ad essere sterilizzata. La ragazza non vuole avere figli sia perché vuole realizzarsi dal punto di vista professionale, sia perché non trova nulla di meraviglioso nel dare vita ad un altro essere umano.


Naturalmente, non appena le sue dichiarazioni sono finite in rete, sono partite le critiche provenienti da ogni parte del mondo. Holly si aspettava delle reazioni simili ma non avrebbe mai immaginato che si sarebbe trovata di fronte a insulti così pesanti da essere costretta a disattivare il suo profilo Twitter. La ragazza ha infatti dichiarato: “Il numero di messaggi ricevuti in appena mezz’ora su Twitter, Facebook, Instagram e e-mail mi ha fatto preoccupare. La gente mi contattava per dirmi di essere contenta che non mi fossi riprodotta, perché così non ci sarebbero state più persone come me nel mondo”.

Gli utenti del web non sono stati molto gentili con lei, le hanno consigliato di chiedere aiuto ad uno psicologo e addirittura hanno offeso sua mamma e la sua famiglia. “Uno degli insulti che più mi ha disturbato è stato quello di uomo che ha detto che gli sarebbe piaciuto fare una raccolta fondi per pagare un’operazione che mi rendesse inabile a parlare”, ha dichiarato Holly.


La decisione di disattivare l’account, però, è durata solo 36 ore. Se avesse detto addio ai social, avrebbe dato la vittoria a tutti quelli che l’hanno criticata. Ha deciso dunque di riprovarci e di farsi forza con le parole di solidarietà ricevute tra i centinaia di messaggi offensivi.


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*