Inter beffata in pieno recupero

Inter

Inter beffata in pieno recupero

Mauro Zarate
Mauro Zarate

Quando sembrava che almeno lo 0-0 fosse stato portato a casa da Zanetti e compagni, l’Inter incassa l’ennesima sconfitta di una annata che si sta gradatamente trasformando in una vera a propria Via Crucis. Proprio al 93′, infatti, il Marsiglia passa con Ayew nel finale di una partita non bella, che ha visto la squadra di Ranieri più tonica rispetto alle ultime uscite e che probabilmente non meritava di perdere. La partita era iniziata con un piccolo colpo di scena, la scelta di un 4-3-1-2 con Forlan in qualità di punta e Zarate in appoggio, mentre Pazzini, che sembrava sicuro in avvio, si accomodava in panchina. Un cambio che sembrava aver beneficiato l’Inter, capace di occupare bene gli spazi e di ripartire con improvvise folate offensive. Ben presto, però, è saltato agli occhi il problema rappresentato da uno Zarate in piena fase di involuzione. L’ex laziale, come al solito, si intestardiva nel tenere palla, senza mai riuscire a rendersi pericoloso e anche quando veniva servito bene da Cambiasso, sprecava tutto con una conclusione fiacca, facile preda del portiere avversario.

Alla pochezza di Zarate si andava poi ad aggiungere la serata storta di un irriconoscibile Snejider, mentre qualche segnale di risveglio arrivava da Forlan, che costringeva Mandanda ad un mezzo miracolo quando era da poco passato il decimo minuto. Se fosse arrivata la rete, la partita avrebbe potuto cambiare del tutto ed aprirsi, mentre al contrario è rimasta bloccata sino alla fine, per la chiara intenzione di Deschamps di non subire reti in casa, al fine di giocarsi tutto al ritorno confidando nel contropiede. Una tattica premiata nel finale dalla rete di Ayew, che rende tutto più difficile per una Inter che dovrà vincere con almeno due reti di scarto per passare il turno. Per la squadra nerazzurra di questi tempi, è come scalare l’Everest.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche